Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Gironi pronti, Gubbio con le "big" di categoria

Il tecnico del Gubbio Magi con lo staff

Luca Mercadini
  • a
  • a
  • a

Ormai è fatta. Manca solo l'ufficialità che avverrà dopo il 4 agosto quando il Consiglio federale renderà note le 60 squadre della nuova Lega Pro. Ma i gironi sono cosa fatta salvo aggiustamenti Covisoc che non minano però la sostanza del progetto. Quindi, prima notizia, la conferma del taglio verticale delle squadre del centro nord con il sud per contro proprio. Seconda notizia, le toscane tutte insieme nel girone A. Stando così le cose, per il Gubbio si prospetta un raggruppamento di fuoco con i club più ricchi e titolati. È molto più di un'ipotesi che la squadra di Magi debba misurarsi con i trentini del Sud Tirol, i friulani del Pordenone, i team veneti di Bassano, Padova, Venezia, i club emiliani di Piacenza, Pro Piacenza, Parma, Reggiana, Modena, i romagnoli del Santarcangelo e del Forlì, i marchigiani dell'Ancona, Samb, Maceratese, Fano, gli abruzzesi del Teramo e le squadre lombarde del Lumezzane e della Feralpisalò. Questa è la linea tracciata, unica modifica potrebbe risultare l'inserimento delle due toscane più orientali (Arezzo e Siena al posto delle lombarde) ma l'idea di base vede le formazioni del Granducato tutte insieme appassionatamente. Stando così le cose, i rossoblù dovrebbero vedersela con squadre di primissimo piano come Parma, Reggiana, Venezia, Pordenone, Bassano, Teramo e Piacenza, senza dimenticare la blasonata Modena. Articolo completo nel Corriere dell'Umbria di giovedì 28 luglio (CLICCA QUI)