Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Bisoli prepara Grifo d'assalto: 4-2-4 contro il Lanciano

Domenico Cantarini
  • a
  • a
  • a

Quattro 0-0 interni consecutivi, che significano anche quattro gare senza gol all'attivo e quattro senza vittorie di fronte al popolo del Renato Curi. Il numero quattro è ricorrente in questa fetta di stagione del Perugia e allora mister Bisoli sembra avere in serbo la trazione integrale per la gara di domenica contro il Lanciano. E' pronto un Grifo quattro per quattro. Perché l'appuntamento con i tre punti non è più rimandabile. Ci vuole coraggio per trasformare i pareggi e l'imbattibilità in successi. E serve portare più uomini costantemente nell'area di rigore avversaria. Da qui la possibile trasformazione del collaudato 4-2-3-1 delle ultime giornate in un più spregiudicato 4-2-4. Le soluzioni “La voglia di vincere deve superare la paura di perdere”, diceva il presidente Massimiliano Santopadre prima dell'ultima trasferta di Salerno. Il messaggio è stato accolto dai grifoni con una prestazione a tratti arrembante che, però, si è tradotta ancora una volta in un pari. Il match dell'inedita domenica alla 17.30 contro il Lanciano costringe il Grifo a schiacciare sull'acceleratore e, per la prima volta in stagione, Bisoli si ritrova con l'organico quasi al completo. Sicuramente out il solo Vittorio Parigini per il forte dolore al costato, comunque in fase di riassorbimento. Non al meglio ancora Rizzo e Alhassan. Il primo non dovrebbe essere rischiato dopo aver smaltito un risentimento muscolare, torna invece a disposizione Salifu che partirà in panchina. Capitan Comotto è pronto a riprendersi la corsia mancina difensiva, per il resto si va in direzione della conferma degli stessi uomini, almeno dalla cintola in giù, con Zebli e Della Rocca a comporre la cerniera mediana. Potrebbe cambiare la fase offensiva, Bisoli sta infatti pensando di affiancare Di Carmine ad Ardemagni e partire con due esterni molto alti, che potrebbero essere Spinazzola e Fabinho, per un 4-2-4 in stile Ventura. Articolo completo nel Corriere dell'Umbria di venerdì 6 novembre (CLICCA QUI)