Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Grifo, fatta per Perea: per la mediana idea Sbaffo

default_image

Domenico Cantarini
  • a
  • a
  • a

Il patron Massimiliano Santopadre, il diesse Roberto Goretti e il responsabile dell'area scouting Marcello Pizzimenti hanno fatto visita alla Lazio del patron Lotito e del direttore sportivo Tare con cui si è aperto nelle ultime settimane un canale privilegiato. Insieme ai vertici del club biancorosso, a Roma è sbarcato anche l'agente di Brayan Perea (1993), Luis Felipe Posso, per mettere a punto i dettagli del trasferimento a Perugia, in prestito secco, dell'attaccante colombiano. La Lazio ha dato il via libera alla cessione temporanea del gioiellino prelevato la scorsa estate per 2 milioni di euro dal Deportivo Calì e la piazza perugina è diventata subito la destinazione privilegiata dall'entourage del calciatore. Il giovane colombiano è atteso a Pian di Massiano, anche se sarà a disposizione di Camplone fra un mesetto. “El Coco” è nella fase conclusiva della riabilitazione, iniziata nel suo paese.  Sistemata l'operazione Perea, il Perugia tratta altri due giovani biancocelesti: il terzino mancino brasiliano Vinicius De Freitas Ribeiro (1993) e il centrocampista croato di passaporto svizzero Milos Antic (1994). Con il primo c'è da sistemare l'aspetto economico e l'uscita di Michele Franco (1985) è una condizione essenziale per la riuscita dell'operazione. Il difensore arrivato a Pian di Massiano nel gennaio scorso è sempre più vicino alla Salernitana. Antic ha le caratteristiche della mezzala che il Grifo vorrebbe inserire in rosa. Per la mediana si allontana Andrea Bovo (1986) ma spunta Alessandro Sbaffo (1990, Chievo Verona), però c'è da battere la concorrenza del Latina. Le operazioni in mezzo al campo sono comunque legate alle partenze di Filipe Gomes Ribeiro (1987) e Imperio Carcione (1982).