Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Ondata di strisce blu in arrivo sotto le ferie, la polemica s'infiamma

Alessandro Antonini
  • a
  • a
  • a

Al ritorno dalle ferie i perugini si ritroveranno di nuovo in balia delle onde: un'ondata di strisce blu sta arrivando in mezza città. La Cupa, via del Cortone e via Ripa di Meana, oltre a piazza Italia, blindate dai nuovi parcheggi a pagamento. I lavori sono già in corso. La polemica intanto si infiamma, col Pd che va all'attacco della giunta di centrodestra guidata dal sindaco Andrea Romizi. “I perugini torneranno dalle vacanze - scrivono i consiglieri comunali dem Tommaso Bori e Sarah Bistocchi - e troveranno una città tinta di blu: come più volte segnalato, entrano a far parte dell'accordo tra il Comune di Perugia e Saba nuove strisce blu a pagamento, il tutto a fronte di una riduzione di pochi centesimi sui costi dei parcheggi a pagamento dando come contropartita alla società la quasi totalità delle aree di sosta in tutte le zone del Centro Storico e di Fontivegge che erano adibite al parcheggio libero. A guadagnarci saranno Comune e Saba e a pagarne il prezzo le persone che vivono, lavorano e studiano a Perugia". “Contemporaneamente al danno per i perugini e ai vantaggi per la società spagnola di gestione dei parcheggi - continuano i due consiglieri - il Comune di Perugia si esporrà al rischio di illegittimità degli atti e a numerosi ricorsi sulla questione. Infatti, come chiarito dalla circolare (prot. N° 1712 del 30.03.2012) del Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti devono esserci parcheggi liberi nelle vicinanze delle strisce blu, non è possibile fare una stima globale comprendendo tutti i parcheggi presenti in città o associando le aree a pagamento a zone distanti dalle stesse. In caso di violazione di una delle due norme, sia l'ubicazione che la vicinanza dei parcheggi gratuiti, i verbali notificati sono da considerare illegittimi”.