Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

La chiesa perde pezzi ma il matrimonio è salvo

Felice Fedeli
  • a
  • a
  • a

Era quasi tutto pronto, mancavano giusto i fiori per addobbare la chiesa a Valtopina. Ma quando sabato 23 giugno gli addetti agli addobbi per il matrimonio che doveva svolgersi nel pomeriggio nella chiesa di San Paolo Apostolo  sono entrati, hanno avuto la brutta sorpresa di trovare parte del soffitto crollato. E, con poche ore di preavviso, i futuri sposi Diego e Tatiana hanno dovuto spostare la cerimonia in un'altra chiesa, poco distante, a Pieve Fononica. Per i due sposi, una disavventura poco piacevole, ma in un certo senso non del tutto sfortunata, visto che il crollo è avvenuto quando il luogo di culto era ancora deserto. Ora la chiesa di San Paolo Apostolo è chiusa per ordinanza del sindaco e anche i cresimandi, che dovranno ricevere il sacramento il prossimo fine settimana, dovranno trovare un altro luogo adatto alla cerimonia. Dal soffitto a cassettoni della chiesa centrale di Valtopina, infatti, nella notte fra venerdì e sabato, si è staccato un grosso quadrato, posizionato in uno degli angoli della navata. Oltre all'intralcio dei calcinacci caduti a terra, il rischio è che altri cassettoni possano venire giù come il primo, forse a causa delle infiltrazioni d'acqua dovute alle intense piogge dei giorni scorsi. Avvisato dagli addetti agli addobbi nuziali e dal parroco, è arrivato il sindaco Lodovico Baldini, che ha chiamato sul posto un geometra dell'ufficio tecnico comunale per verificare il danno, avvisando poi anche i vigili del fuoco di Foligno, che hanno controllato il tetto e la struttura. Al termine delle prime verifiche, il sindaco ha emesso un'ordinanza di chiusura dell'edificio. Ora scatteranno le procedure del caso per capire come intervenire. “I vigili del fuoco hanno verificato la situazione, ma serviranno controlli più approfonditi, anche per capire il tipo e le tempistiche di intervento – spiega Baldini – Al momento, non ho potuto far altro che chiudere la chiesa per proteggere i cittadini dal rischio di eventuali ulteriori crolli”. Com'è finita? Il fatidico sì i due sposi l'hanno pronunciato nella chiesa di Santa Maria Assunta di Pieve Fononica. Eirene Mirti