Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Tra degrado e abbandono

Felice Fedeli
  • a
  • a
  • a

Degrado, rifiuti, tonnellate di terra (ma chiamarla così è forse un eufemismo), pezzi di ferro arrugginito, vecchie centraline elettriche non si sa se ancora funzionanti, lasciate incustodite a cielo aperto e all'intemperie. Capannoni abbandonati, dentro ad alcuni dei quali si notano i resti di “presenze” recenti, come se avessero rappresentato dei rifugi di fortuna per extracomunitari, zingari e prostitute. Già, perché la zona è da sempre battuta da peripatetiche che aspettano i clienti lungo la “Pian d'Assino” e che poi si appartano con loro all'interno dell'ex Ecofarm, l'azienda che nel 1999 venne condannata e chiusa perché giudicata un “impianto di smaltimento di rifiuti inquinante”. Siamo a Comporeggiano di Gubbio. SERVIZIO COMPLETO SUL CORRIERE DELL'UMBRIA DI MARTEDI' 6 MARZO