Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Servizio civile, 332 giovani nei Comuni terremotati o con sfollati

Jacopo Barbarito
  • a
  • a
  • a

“Saranno 322 i volontari che verranno impiegati nei 15 Comuni terremotati dell'Umbria e in quelli che ospitano temporaneamente persone sfollate a causa degli eventi sismici, attraverso progetti di Servizio civile nazionale il cui obiettivo è fornire ulteriori forme di assistenza alle popolazioni colpite dal sisma e di supporto alle amministrazioni locali coinvolte, per favorire il ritorno alla normalità”: lo rende noto l'assessore alla Salute, alla Coesione sociale e al Welfare, Luca Barberini, dopo la pubblicazione del bando del Dipartimento della Gioventù e del Servizio civile nazionale per la presentazione di progetti di servizio civile nazionale per selezionare un totale di 1.559 volontari da impiegare nelle aree terremotate delle regioni Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria.  Sono tre le aree di intervento individuate dalla Regione Umbria: assistenza alle fasce deboli, protezione civile, educazione e promozione culturale, con la specificità del supporto amministrativo alle amministrazioni locali. I progetti saranno finanziati con risorse del Fondo nazionale per il servizio civile e potranno essere presentati, al Servizio regionale competente facente capo all'assessorato regionale alla Salute, alla Coesione sociale e al Welfare, entro le ore 14 del 10 marzo 2017. Il bando è rivolto ai Comuni e agli enti iscritti all'Albo nazionale e agli Albi delle Regioni e delle Province. Sarà la Regione Umbria a coordinare i progetti, attraverso tavoli di coprogettazione che coinvolgeranno tutti i soggetti interessati, e ad esaminarli  attraverso una valutazione di idoneità.  Quelli risultati idonei verranno pubblicati in appositi bandi regionali per la selezione dei volontari, redatti dal Dipartimento della Gioventù e del Servizio civile nazionale e pubblicati sul sito dell'ente e delle Regioni interessate.