Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Immigrati in calo nella Fascia appenninica

Mauro Barzagna
  • a
  • a
  • a

Cala il numero degli immigrati residenti nei comuni della Fascia appenninica. E' questo ciò che emerge dall'annuale censimento realizzato dal circolo Acli Ora et Labora di Fossato di Vico. Complice anche il perdurare della crisi economica che continua a colpire duro, rispetto al 2015 il numero degli stranieri si è ridotto dello 0,24%. In termini assoluti, gli immigrati regolarmente iscritti alle anagrafi comunali sono 5.391. L'incidenza in percentuale degli stranieri sul totale della popolazione residente fa risultare il comune di Fossato di Vico al primo posto con il 17,7% seguito da Gualdo Tadino con l'11,1% e Nocera Umbra con l'11%, ultimo Sigillo con il 5%. In generale si evidenzia che la presenza degli stranieri è cresciuta costantemente fino al 2009 per poi diminuire di uno 0,1% nel 2010 e nuovamente risalire fino al 2012 al 9,6% della popolazione residente. La comunità rumena con il 18,1% ha ormai di gran lunga soppiantato quella albanese, per anni al primo posto e ora terza con il 12,1%, seguono i marocchini al secondo posto con il 13,2%.