Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Terremoto, le prime casette pronte a gennaio

Jacopo Barbarito
  • a
  • a
  • a

É attesa nel consiglio dei ministri di mercoledì 16 novembre l'ordinanza sull'estensione del cratere definita dal commissario Vasco Errani che, in base a quanto emerso nelle ultime ore, nell'elenco dei 14 Comuni umbri già individuati dal governo a seguito del sisma del 24 agosto avrebbe inserito anche Spoleto così come richiesto formalmente dalla presidente Catiuscia Marini all'indomani del terribile terremoto di magnitudo 6,5. Intanto la protezione civile regionale lavora a spron battuto per consegnare le prime 37 casette entro la fine di gennaio, si tratta della prima partita di moduli abitativi ordinati a seguito del sisma del 24 agosto. Nel cratere definito da Errani e sul tavolo di Palazzo Chigi oltre alla città del Festival sono ricompresi tutti i borghi della Valnerina sia in provincia di Perugia che di Terni quindi: Norcia, Cascia, Preci, Monteleone di Spoleto, Cerreto di Spoleto, Poggiodomo, Vallo di Nera, Sellano, Sant'Anatolia, Scheggino, Arrone, Polino, Ferentillo e Montefranco. Non risultano al momento altri comuni umbri interessati dal provvedimento che, secondo alcune indiscrezioni circolate nelle ultime ore, per le città più popolose (Spoleto, Macerata, Ascoli Piceno, Rieti e Teramo) stabilisce che le misure previste dal Titolo IV del primo decreto del governo, ossia quelle di natura fiscale e contributiva, sarebbero applicate soltanto alle imprese che hanno subito danni certificati con adeguata documentazione, ferma restando la possibilità per i municipi di riferimento di sforare il patto di stabilità. Intanto il Comune di Norcia ha fissato una girandola di incontri pubblici da domani al 28 novembre con la cittadinanza per fare il punto sulle soluzioni abitative intermedie e definitive, ossia container collettivi e casette, coi primi che, in base all'orizzonte fissato direttamente dal presidente del Consiglio, Matteo Renzi, verrebbero consegnate prima di Natale.  Servizio integrale a cura di Chiara Fabrizi sul Corriere dell'Umbria del 16 novembre