Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Sicurezza a scuola, consiglio comunale aperto ai genitori

Jacopo Barbarito
  • a
  • a
  • a

La sicurezza della scuola preoccupa i genitori dei piccoli alunni di Bastardo, tanto più dopo il terremoto del 24 agosto che - anche se non ha fatto danni, come certificato dalla protezione civile - ha riportato nuovamente l'attenzione sulla situazione della scuola. Un complesso, quello che ospita la scuola primaria, dichiarato parzialmente inagibile nel luglio 2015 in una sua parte, da allora chiusa, ma sul quale ancora non sono iniziati i lavori di consolidamento necessari, eccezion fatta per l'installazione di un sistema di monitoraggio del dissesto idrogeologico che ha prodotto l'ordinanza di chiusura e parziale inagibilità. “La Regione Umbria ha accolto la nostra richiesta di intervento, ma non sappiamo con certezza quando avverrà il finanziamento utile all'avvio dei lavori”, ha specificato l'assessore Cristiana Moretti nell'ultimo consiglio comunale. Servono circa 150 mila euro per risolvere il problema, ma intanto i bambini continuano a fare lezione nella porzione agibile dell'istituto. Così alcuni genitori, costituitisi in comitato, hanno incontrato la nuova dirigente scolastica per avere ragguagli e prodotto un documento con precisi interrogativi. Un documento che è stato presentato dal consigliere di minoranza Jacopo Barbarito nel corso dell'ultimo consiglio comunale, unitamente alla richiesta di convocazione di un consiglio aperto sul tema, richiesta sottoscritta anche dai consiglieri Moscatini e Terenzi e fatta propria dall'amministrazione comunale che ha convocato la seduta per giovedì 20 ottobre alle 20.30. La minoranza ha chiesto che alla massima assise cittadina possa partecipare anche la dirigente scolastica in maniera tale che sia possibile avere un quadro della situazione e che sia ammessa la possibilità di intervenire da parte dei genitori, o almeno una loro rappresentanza. Tra i quesiti presentati dai genitori ci sono temi relativi alla sicurezza strutturale di tutte le parti dell'edificio, la sicurezza in caso di necessità di evacuazione, le eventuali verifiche effettuate da vigili del fuoco e protezione civile sulla parte agibile e inagibile della struttura insieme alla compatibilità tra queste ultime e i piani di evacuazione e la nomina del responsabile del servizio prevenzione e protezione.