Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Marcia della pace, previste migliaia di persone. Ma c'è chi dice no

Jacopo Barbarito
  • a
  • a
  • a

Saranno decine di migliaia le persone che domenica 9 ottobre si metteranno in cammino: 464 le città, 769 le istituzioni e le associazioni che hanno già confermato la loro presenza alla Marcia della pace. Non prenderà parte, invece, al cammino il Movimento Nonviolento, secondo cui le affermazioni contenute nell'appello lanciato dagli organizzatori sono “troppo generiche, slogan retorici privi di qualunque impegno e obiettivo politico stringente all'altezza della tragica realtà dei nostri tempi”. “Vinci l'indifferenza” sono le parole che campeggeranno sullo striscione che segnerà il passo lungo la strada da Perugia ad Assisi. Altri numeri e riflessioni sono state oggetto di un incontro che si è tenuto ieri nella sede dell'Fnsi di Roma dove il comitato promotore della Marcia ha illustrato il programma. “È arrivata l'ora di reagire - è quanto ha detto il coordinatore nazionale della Tavola della pace, Flavio Lotti - non possiamo continuare ad assistere alle stragi senza assumerci la responsabilità di dire basta e costruire la pace”. Lotti fa riferimento alle vittime del Mediterraneo come ai femminicidi, ma anche a chi perde il lavoro. Servizio integrale a cura di Sabrina Busiri Vici sul Corriere dell'Umbria del 6 ottobre