Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Ecco 15 nuovi speed check: automobilisti "avvisati"

Rosella Solfaroli
  • a
  • a
  • a

Gli speed check sono stati istallati. Sono stati già realizzati anche i basamenti dove verranno collocati i tre semafori “intelligenti” e proprio in queste ore sono iniziati gli interventi sulle curve pericolose, dove verrà apposto asfalto antisdrucciolo. Insomma “tempo un mese e i lavori di messa in sicurezza della Tuderte, saranno completati”, ha annunciato l'assessore ai Lavori pubblici del Comune di Spoleto, Angelo Loretoni. Grazie a un progetto partito da lontano, denominato “Primis”, che prevede la messa in sicurezza del tratto di strada che va da Pontebari a Mercatello, nel corso degli anni scenario di tanti incidenti purtroppo anche dalle tragiche conseguenze, e che ha trovato concretezza in questi ultimi mesi. Grazie a un finanziamento congiunto che vede come primi attori la Regione Umbria, che ha messo a disposizione 201 mila euro, la Provincia di Perugia, con 35 mila euro e, ovviamente, i due Comuni collegati tra di loro proprio dalla Tuderte, quello di Spoleto, con fondi per 76 mila euro, quello di Castel Ritaldi con 23 mila euro. Quindici, in tutto, le colonnine arancioni che sono state collocate lungo tutto il percorso, ed esattamente 11 nel territorio comunale spoletino e 4 in quello di Castel Ritaldi. Gli speed check più che altro sono stati installati nelle aree abitate, come ad esempio quella di Maiano o San Brizio, per quanto riguarda il versante spoletino, mentre nel territorio di Castel Ritaldi ne sono stati posizionati 2 a La Bruna e altrettanti a Mercatello.