Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Perugia 1416, Porta Eburnea trionfa nel tiro del giavellotto

Jacopo Barbarito
  • a
  • a
  • a

Il Rione di Porta Eburnea si è aggiudicato la prima sfida, quella del Tiro del Giavellotto. 15 i punti conquistati come da regolamento, con 7 punti totalizzati nei tre lanci a disposizione. Con la sua prova, dunque, Marco Barlozzo porta in cima alla classifica provvisoria delle Sfide di Perugia 1416 il suo Rione, che si aggiudica di diritto l'accesso alla semifinale della sfida della Mossa alla Torre. L'atleta, al termine della gara è stato a lungo festeggiato dal popolo del suo rione per questa prima, incoraggiante vittoria. Al secondo posto si è classificato il Rione di Porta Santa Susanna con 12 punti (4 totali nei lanci) conseguiti da Roberto James Paoluzzi, seguito dal Rione di Porta Sole con 9 (3 nei lanci effettuati dall'atleta Andrea Camacci), dal Rione di Porta San Pietro con Francesco Maria Freddini che ha totalizzato 6 punti (2 nei lanci) e, con 3 punti, chiude il Rione di Porta Sant'Angelo, rappresentato nella sfida da Andrea Reggi. Prima della sfida, che consisteva nell'infilare un anello metallico, quindi, consecutivamente, colpire con il giavellotto il bersaglio vero e proprio, i cinque rioni cittadini si sono lanciati la sfida, in modo ironico a suon di sberleffi e promesse. Porta Eburnea, con il suo banditore Armando Rodas Flores, ha promesso di “mannà i vinti a consolà col vino”, prima di lanciare un fazzoletto portafortuna con i colori del Rione. Mirko Bigini banditore di Porta Santa Susanna ha annunciato che “il Rione di Porta Santa Susanna, che mai curva la schiena” avrebbe vinto la sfida “per far la porta ringagliardita”. Più competitivo il banditore di Porta San Pietro, Evanse Becchetti, che al grido -tre volte ripetuto- di “Sancti Petri vinces”, ha voluto intimorire gli avversari. Infine, il Rione di Porta Sant'Angelo ha scelto l'ironia e lo sberleffo e ha ricordato a tutti che “‘st'anno tocca fa la festa, mica taglià la testa”, per poi avvisare gli avversari che il Rione avrebbe vinto la sfida perché “con le ali (simbolo del Rione) si vola!”.