Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Stradoni del monte Ingino, ipotesi di chiusura di tutto il tratto

Ben. Pi.
  • a
  • a
  • a

Preoccupa ancora la situazione del monte Ingino, dove il quarto “stradone”, della prima Capeluccia, è chiuso da alcuni giorni al transito sia di veicoli che pedoni. Dopo gli ultimi sondaggi, effettuati dagli uffici tecnici, sulla struttura del costone, sono emerse alcune criticità, tali per cui si potrebbe prospettare, come conferma l'assessore Tasso, la chiusura temporanea degli “stradoni” del monte, per consentire la realizzazione di un necessario intervento di consolidamento. Nel dettaglio, è emersa la presenza di alcuni massi ormai quasi in completo distacco dalla parete della montagna, con rischio di caduta libera, pertanto sarà predisposta la chiusura di tutti quei tratti problematici di strada che, dalla città, salgono in cima all'Ingino, dove si trova il santuario di Sant'Ubaldo, per consentire la rimozione di queste pietre sciolte ed intervenire in maniera più strutturata per mettere in sicurezza l'intera costa ed evitare ulteriori distacchi. Occorre ancora un po' di pazienza, entro le prossime ore si avranno ulteriori dati circa le decisioni che gli uffici comunali stanno prendendo per porre in sicurezza il monte e nello stesso tempo evitare che gli “stradoni” restino chiusi troppo a lungo. Lo scollamento dei massi potrebbe essersi verificato in seguito alla frequentazione massiccia della montagna nei mesi primaverili, in particolare a maggio, per le varie iniziative ceraiole, che sono andate ad aggravare una situazione già precaria provocata da un probabile fisiologico scivolamento di montagna e radici degli alberi sotto la pressione delle condizioni climatiche. Non si esclude che il franamento possa essere stato aggravato anche dalla scelta di qualcuno di scalare, imprudentemente, questa parte del monte, proprio durante la Corsa dei Ceri. In occasione dei Mezzani e Piccoli si sono anche verificati alcuni incidenti, con pietre e parti della strada che sono franate colpendo alcune persone. In seguito a questi episodi i vigili del fuoco allertati hanno, in sinergia con forestale, municipale e uffici comunali, provveduto a transennare lo stradone.