Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Ceri e Unesco più vicini: a giugno il responso

L'epilogo della corsa nel 2015

Euro Grilli
  • a
  • a
  • a

Il 15 maggio a Gubbio si ripete il miracolo della Festa dei Ceri e a giugno a Parigi potrebbe celebrarsi l'ufficializzazione della sua entrata nell'associazione “Rete delle grandi macchine a spalla italiane”, bene Unesco, patrimonio immateriale dell'umanità. “Sì, è così - dice il sindaco Filippo Stirati - ho parlato con il ministro Franceschini, ho avuto vari colloqui con il ministero, ho mobilitato i parlamentari umbri e ci siamo mossi secondo le linee indicate per far sì che questa importante opera possa concludersi nel migliore dei modi”. Entrare nell'Unesco comporta onori ed oneri. “Esattamente, e quindi è evidente - più che mai - che noi dobbiamo ripartire dai fondamentali della nostra festa, evitando la stratificazione di questioni fuorvianti che rischiano di generare comportamenti devianti con il rischio che possano cronicizzarsi. Ma siamo ancora in tempo per intervenire in maniera decisa, riscoprendo elementi semplici e propri della festa in onore del patrono. Dobbiamo esaltare il valore delle relazioni, viverla con più gioia e impegnandoci, ognuno per la propria parte, per evitare quanto più possibile le polemiche”. Una riflessione, dunque, s'impone. “Sicuramente, ed è quella di avere consapevolezza dello spessore di questa festa, dei secoli che si sono sommati e tenere saldo il legame con questo e vivere il 15 maggio senza eccessi, hilariter, ognuno cercando di fare il meglio del meglio per la corsa del proprio Cero ma senza esasperare l'aspetto agonistico”. Tengono banco la questione della porta della basilica aperta o chiusa, dello scavijamento e meno del Cero di Sant'Ubaldo. Il suo punto di vista?  “È una questione che richiede di riflettere pacatamente nel tempo, tenendo conto di tutte le varie componenti e movimenti di pensiero, compreso lo spirito di riconciliazione proprio del nostro patrono Ubaldo. Ma, e ci tengo a sottolinearlo, non facciamo di questa questione il problema della Festa, dal momento che è solo un aspetto e come questo ce ne sono tanti altri che bisogna analizzare e risolvere”.