Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Cimitero aperto ai cani al guinzaglio

Roberto Minelli
  • a
  • a
  • a

Giro di vite su chi porta a spasso il proprio cane in maniera non corretta. L'associazione Terni Città Futura fa sapere che sono iniziati i controlli a tappeto delle guardie zoofile proprio all'indomani dell'affissione del cartello al cimitero che permette finalmente l'accesso dei cani al guinzaglio tra le tombe: una battaglia vinta tra mille difficoltà burocratiche. “Aver stabilito che non esiste alcun divieto di ingresso con cani al seguito in tutte le aree pubbliche comunali non ha solo finalmente fatto estrema chiarezza e giustizia, ma pare aver prodotto - secondo l'associazione - anche un'accelerazione delle attività di controllo e di sanzione delle trasgressioni inerenti alla conduzione dei cani. Certo è che avviare i controlli in una situazione che vede i conduttori di cani non completamente e correttamente informati, con la confusione di cartelli ancora abusivi e contrari a quanto previsto dal regolamento, non ci pare molto opportuno”. In ogni caso Terni Città Futura ricorda ai ternani che “i cani devono essere tenuti con un guinzaglio non superiore a due metri di lunghezza e che con sé bisogna avere anche la museruola. C'è poi l'obbligo di raccogliere le deiezioni solide prodotte dagli animali sul suolo pubblico e occorre portarsi sempre dietro l'originale o la fotocopia del documento comprovante l'iscrizione dell'animale all'anagrafe canina o il certificato di avvenuto tatuaggio o microchip”.