Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

A tavola arriva anche l'app per scoprire il meglio del territorio

Federico Sciurpa
  • a
  • a
  • a

Aprirà i battenti il prossimo venerdì, 8 aprile in pieno centro storico, al numero 23/A di via della Sposa a Perugia, la Trattoria del Borgo, che non è solo un ristorante, ma un complesso progetto di promozione del territorio, a partire dalle sue eccellenze, con tanto di App consultabile e scaricabile, per conoscere il meglio dell'Umbria. E non solo eccellenze enogastronomiche, ma anche artigianali, artistiche e culturali. Come ha sottolineato Jean Paul Sia, uno degli ideatori del progetto insieme a Roberto Guiducci, in occasione della conferenza stampa che si è tenuta alla sala della Vaccara, l'intento è quello di “mettere in mostra il buono e il bello dell'Umbria e di Perugia, valorizzando il territorio nella sua complessità”. Per questo, la Trattoria del Borgo si avvale della collaborazione dell'Accademia di belle arti di Perugia, dell'Università dei Sapori, dell'AIS Associazione Italiana Sommelier Umbria, dell'Accademia delle Erbe Spontanee e di molte aziende del territorio che hanno creduto fin da subito nel progetto. Alla conferenza era presente anche l'assessore alla cultura e turismo del Comune di Perugia, Maria Teresa Severini che ha elogiato il progetto come “vetrina per la città e la regione, per i suoi prodotti e il suo territorio. Questo progetto è differente da tutti gli altri –ha detto- perchè fa cultura, stimola il risveglio delle tradizioni e in più si colloca in una zona del centro storico frequentata da studenti.” Ciò che differenzia il progetto Trattoria del Borgo, infatti, è proprio la conoscenza che si vuole fornire dei prodotti, con la storia del prodotto tipico, la panoramica delle aziende produttrici, la loro geolocalizzazione, le ricette tradizionali. Allo stesso tempo, sarà possibile informarsi in tempo reale su cosa fare e vedere in città, avere a disposizione la guida turistica della regione, essere aggiornati sugli eventi, sui musei tematici, le diverse e numerose iniziative sparse per la regione, con tanto di link diretto. A fare la differenza –come ha tenuto a sottolineare lo stesso Sia- è anche la formazione. “Il nostro staff, infatti, -ha spiegato- andrà periodicamente ad aggiornarsi presso le aziende produttrici perché siamo certi che solo conoscendoli a fondo possiamo comunicare al meglio i prodotti locali. Non ultima, la scelta di posizionamento in una fascia di prezzo contenuto, ma con prodotti di qualità, che siamo riusciti a realizzare proprio grazie al contributo dei partner e delle aziende che hanno creduto in noi.” Alla conferenza erano presenti anche il Prof. Luciano Tittarelli, Vicedirettore dell'ABA, Maurizio Beccafichi, Direttore dell'Università dei Sapori di Perugia e l'Ais regionale.