Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Movida, raccolta firme per ampliare gli orari Ztl

Claudio Bianchini
  • a
  • a
  • a

Si sta aprendo la stagione della “movida” folignate: da venerdì 15 aprile sino a venerdì 30 settembre, infatti, saranno in vigore due ordinanze su misura per regolamentare la situazione. Si tratta del nuovo orario estivo della zona a traffico limitato, dall'ingresso di via XX settembre, per bloccare il flusso dei veicoli non autorizzati lungo il tragitto per Piazza del Grano - via Gramsci - piazza San Domenico, e del regolamento per l'occupazione di suolo pubblico, che permetterà ai locali di metter fuori sedie e tavolinetti. Dopo i mesi di polemiche e contrasti che hanno caratterizzato la stagione 2015 ci sono però importanti novità, e gli operatori hanno già messo le mani avanti. I gestori dei locali lungo l'asse interessato dalla Ztl si sono coordinati tra loro e hanno predisposto una richiesta unitaria all'amministrazione per anticipare il blocco della circolazione di un'ora: il semaforo rosso quindi dovrebbe scattare a partire dalle 18.30 e non, come previsto adesso, mettendo la transenna dalle 19.30 considerato un orario troppo a ridosso di aperitivi e cene. L'altra novità, degna di nota, sta proprio nel fatto che finalmente i gestori dei locali hanno iniziato a collaborare per una strategia comune, di cui lo scorso anno si sentiva particolarmente l'esigenza, sia per i rapporti con le associazioni dei residenti che per l'approccio con l'amministrazione comunale. La mozione ha raccolto un'ottantina di firme: a sottoscriverla, sia i titolari delle attività che il personale di supporto che lavora nel “circuito movida”. Il documento è stato regolarmente protocollato e inviato sulle scrivanie del sindaco Nando Mismetti, dell'assessore allo Sviluppo economico Giovanni Patriarchi e all'indirizzo del Comando dei vigili urbani. A distanza di una settimana però - fanno sapere con preoccupazione alcuni dei gestori firmatari - tutto è rimasto lettera morta. E spunta anche un'altra idea, tendendo una mano ai residenti della zona: quella di chiedere l'estensione del blocco del traffico dalle una alle due delle notte, fermo restando comunque l'obbligo di ritirare sedie e tavolini comunque entro l'una. Insomma spiragli d'intesa che, a Palazzo, non potranno ignorare.