Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Asili nido, contratti in scadenza per le educatrici

Rosaria Parrilla
  • a
  • a
  • a

“È tempo di assumersi le proprie responsabilità e di fare delle scelte politiche, anche a fronte di qualche rischio economico, sempre rispettando la legge, ma tralasciando per una volta da parte la burocrazia che ingessa tutto”. In sostanza è il resoconto di quello che si è detto durante la commissione consiliare che ha discusso l'ordine del giorno del capogruppo del M5S, Cristina Rosetti, sugli asili nido, in particolare sulla condizione di precariato in cui lavorano da anni le educatrici. Tematica che da settimane tiene banco. A chiedere, quindi, un cambio di passo alla giunta, in particolare agli assessori competenti, Barelli al personale, Wagué alla scuola e Bertinelli al bilancio, e ai dirigenti comunali, Zampolini, Migliarini e Panichi, più volte attaccati per le loro scelte, sono stati sia i consiglieri di maggioranza (Perari, Camicia, Sorcini e Leonardi) che di minoranza (Pd e Sr). Sostenuti da sindacati (Cgil, Uil, Diccap), genitori ed educatrici presenti. Tutti concordi, dunque, vista la scadenza a breve dei contratti di concedere la proroga applicando la circolare Madia che lo consente, ma che secondo la dirigente Panichi è in contrasto con le normative europee e nazionali. L'assessore Wagué ha ribadito che è disposto a metterci la faccia per garantire qualità e continuità del servizio: tavolo di lavoro, entro aprile sarà pubblicato un avviso per la nuova graduatoria delle educatrici. I sindacati hanno chiesto un incontro col sindaco Romizi.