Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Passione di Cristo, gli appuntamenti in tutta la regione

Jacopo Barbarito
  • a
  • a
  • a

Umbria terra mistica tra fede e tradizione. Che si appresta a rivivere l'attesissima processione del Venerdì santo, ovvero la processione commemorativa della passione e morte di Gesù Cristo. Con tanto di Via Crucis, ossia la strada percorsa da Gesù Cristo dalla sua condanna nel pretorio di Pilato fino alla cima del Golgota dove fu crocifisso. Vediamo i principali appuntamenti che spuntano come funghi nella verde Umbria, divisi diocesi per diocesi. Diocesi di Perugia A Perugia nel giorno in cui la Chiesa e tutti i fedeli si raccolgono in preghiera dinanzi alla Croce spes unica e celebrano la Passione e Morte del Signore con il digiuno e la penitenza, l'appuntamento è domani alle ore 18, quando il cardinale Bassetti celebrerà la liturgia della Passione con l'adorazione della Croce. In serata, alle ore 21, con ritrovo dei fedeli in cattedrale, si svolgerà la Via Crucis nel centro storico. A Città della Pieve si svolge la tradizionale e suggestiva Via Crucis organizzata dalle tre antiche confraternite della Misericordia del Gesù, di Santa Maria dei Bianchi e di San Rocco. La processione in costume attraverserà, a partire dalle 21, le principali vie del borgo medievale. A Magione l'antico rito inizia alle 21 nella chiesa di San Giovanni Battista e poi si svolge nella piazza del paese in costumi d'epoca romana: prima la rappresentazione, poi la processione. La statua del Cristo morto è seguita dalla banda musicale cittadina. Processione in costume anche nella vicina Villantria. A Piegaro si svolge una processione unica nel suo genere, detta anche Ecce Homo. La processione, che avrà come punto di arrivo e partenza la chiesa della Crocetta e percorrerà l'intero centro storico. La sfilata viene aperta dalla Confraternita della Morte, in cappa nera, un loro componente porterà in spalla una grande croce nera alta più di 3 metri con oltre 50 chili di peso. Seguirà la Confraternita del Sacramento, in cappa bianca e pellegrina rossa, che con quattro persone a turno porteranno la statua, mentre altri sei reggeranno il baldacchino. Orario di inizio 21. A Panicale si parte, sempre alle ore 21, dalla Collegiata barocca di San Michele Arcangelo, dopo aver deposto il Cristo dalla Croce. Davanti alla processione partono i tre tronchi alti quasi sei metri, ciascuno portato da una sola persona, rappresentanti le tre confraternite storiche di Panicale: Confraternita della Frusta o dei Flagellanti, Confraternita del Santissimo Sacramento, Confraternita della Morte. A Tuoro alle 21 la processione con la tradizionale accensione di un grande e spettacolare fuoco nella sottostante cava arenaria attraverserà il centro storico e rientrerà presso la Chiesa di Santa Maria Maddalena. Nel corso della processione verrà rievocata la Crocifissione di Gesù presso il Parco della Croce. Alle ore 17.30, a Passignano sul Trasimeno si ripete il rito della lavanda dei piedi nella chiesa Adorazione Santa Croce. Diocesi di Gubbio Oltre alla processione del Cristo morto nel centro storico di Gubbio di cui riferiamo a parte, da ricordare anche la processione/rievocazione che si tiene domani nella frazione est di Torre dei Calzolari, dalle ore 21, con canto del miserere, presso il borgo medievale di Torre Alta. Anche la Turba di Cantiano fa parte dei riti nel ciclo liturgico del Venerdì Santo diocesani: dalle ore 20 con canti e Laudi sui sagrati delle chiese "Collegiata", "Sant'Agostino" e "San Nicolò", accompagnati dal suono cupo del tamburo dei soldati romani che nel contempo, a piedi e a cavallo, sfilano per le vie, segue in piazza Luceoli la Cospirazione e tradimento di Giuda e al parco della Rimembranza la rievocazione dell'ultima cena e le varie fasi bibliche del processo, morte e passione di Cristo. Processione solenne anche a Umbertide con partenza da piazza San Francesco alle 20,45. Coinvolte tutte le parrocchie cittadine. Diocesi di Assisi-Nocera Umbra-Gualdo Tadino Processioni del venerdì Santo sono previste, oltre che ad Assisi di cui riferiamo in altra parte della pagina, anche a Bastia Umbra e Cannara (alle ore 21), Passaggio di Bettona (ore 20.45). Particolarmente suggestiva con tanti figuranti quella di Gualdo Tadino (ore 20.30 - struttura della Domenico Tittarelli). Grandiosa e spettacolare ogni anno, dal sec. XIII, muove per la vie della città; nel suo lento procedere per le vie della città rappresenta, con oltre duecento personaggi, la tradizionale sequenza del dramma storico della Passione, con quattordici gruppi che ripropongono gli episodi più significativi della Via Crucis. Diocesi di Spoleto-Norcia Nello Spoletino e in Valnerina, il Venerdì Santo è caratterizzato dalle emozionanti rievocazioni della Passione, a cui partecipano le comunità locali e numerosi turisti. La via Crucis a Spoleto, presieduta dall'arcivescovo Renato Boccardo prende il via alle 21 da piazza del Mercato, per poi ripercorrere le quattordici stazioni posizionate nel giro della Rocca. In Valnerina sono tre gli appuntamenti di maggior risalto, con le processioni del Cristo morto di Cascia, Norcia e Monteleone di Spoleto. Nella città di Santa Rita, illuminata da torce, il suggestivo rito inizia alle 21.30 alla chiesa di Santa Maria da dove muove la processione. Il canto del Miserere e lo strisciare delle catene che i Penitenzieri incappucciati legano ai piedi nudi, sono gli unici squarci sonori di questa notte carica di misteri. A Norcia, la processione con oltre 400 figuranti, parte alle 21 da Porta Palatina e sfila lungo le mura cittadine. Il rito sacro rivive anche a Monteleone dove alle 21 la processione muove dalla chiesa di San Francesco, si snoda per le vie del paese fino ad arrivare in pineta. Figure simbolo, le Pie Donne, interpretate da tre ragazze vestite di nero e con il viso coperto in segno di lutto, che seguono la statua del Cristo morto. Diocesi di Foligno Anche in questo 2016 si rinnova l'appuntamento con gli eventi del venerdì santo. Due le iniziative in agenda a Foligno, a cominciare dal Dramma della Passione in programma alle 21 a Fiamenga. Stesso orario per la processione di Colfiorito, a cui prenderanno parte come da tradizione i penitenti, i crociari e gli appartenenti alla confraternita. Due gli eventi anche a Montefalco, entrambi alle 21. Il primo nella chiesa di San Bartolomeo, mentre la seconda Via Vrucis sarà quella ospitata al santuario della Madonna della Stella. Processione del Cristo morto, invece, a Bevagna. L'appuntamento con i crociferi è per le 20. Anche a Cantalupo avrà luogo una rievocazione del dramma della Passione di Cristo, alle 21, con circa 40 figuranti. Chiude il cerchio la Via Crucis d'autore di Spello, curata dal maestro Elvio Marchionni. L'appuntamento è alle 21 nella Chiesa di Sant'Andrea Apostolo. Diocesi di Terni, Narni e Amelia Nella cattedrale di Terni il vescovo Giuseppe Piemontese presiederà la celebrazione della Passione alle 18.30. Alle 21 tradizionale processione del Cristo morto che partirà dalla chiesa di San Francesco e si snoderà lungo corso Tacito, piazza del Popolo (dove è prevista una sosta e la meditazione guidata dal vescovo), via Roma, via dell'Arringo, piazza Duomo. Nella basilica di San Valentino, invece, a cura del Centro culturale Valentiniano, rappresentazione della Passione in abiti storici. Gli attori reciteranno sul sagrato e verranno ricostruite le scene dall'ultima cena fino alla Resurrezione, così come descritte prevalentemente nel Vangelo di Luca, integrato dalle informazioni degli altri evangelisti e dalla descrizione dell'ultima cena resa da Maria Valtorta. A Narni, sempre domani, la parrocchia di San Giovenale e Cassio ha organizzato per le 15 una Via Crucis che partirà dalla chiesa di Nostra Signora di Lourdes in piazza dei Priori per arrivare al Duomo. Alle 18 liturgia della croce in cattedrale e alle 21 la processione da piazza Galeotto Marzio. Il comitato della Madonna del Ponte e la parrocchia di Sant'Antonio di Narni Scalo hanno organizzato invece per le 21 la Via Crucis che partirà da quest'ultima chiesa per arrivare al Santuario della Madonna del Ponte. Qui, sul piazzale, suggestiva rappresentazione in costume dell'ultima parte della Passione di Cristo. Anche a Lugnano in Teverina Via Crucis nel borgo medievale con conclusione davanti alla chiesa della Collegiata, il tutto a cura dell'associazione Clarc.  Diocesi di Città di Castello In città i riti del Venerdì Santo hanno inizio alle ore 10 in cattedrale, con la "Liturgia delle Ore, celebrata dal Capitolo della cattedrale. Poi alle ore 20,30 all'interno della chiesa di Santa Maria Maggiore avrà luogo la celebrazione della Passione del Signore e quindi alle 21.15 partirà della piazzetta antistante la Processione del Cristo morto presieduta dal vescovo. Il cataletto del Cristo morto sarà portato dai componenti della Confraternita del Buoncosiglio nelle antiche costumanze alla luce dei focoli, accompagnati da tutte le confranternite cittadine della diocesi. La processione si snoderà per corso Vittorio Emanuele, piazza Matteotti, via Angeloni, piazza Magherini Graziani, via Fucci, via Cacciatori del Tevere e piazza Gabriotti dinanzi alla Cattedrale. Qui il vescovo monsignor Domenico Cancian alla guida della processione con il cataletto del Cristo morto accederanno all'interno della cattedrale entrando alla porta delle misericordia. Da segnare anche che le parrocchie di Lama e Selci da qualche anno propongono un doppio corteo che si unisce presso la zona della scuola media, nel piazzale della palestra comunale. Alle ore 21 i fedeli partiranno dalle chiese di Lama e di Selci. Alle 22 la conclusione con la benedizione nella zona di Selci Lama. Diocesi di Todi, Orvieto Alle ore 15, a Orvieto, la solenne azione liturgica presieduta dal vescovo; alle ore 21 la Via Crucis illuminata dalle torce e particolarmente suggestiva dalla chiesa di San Giovenale alla chiesa di Sant'Andrea. Sempre ad Orvieto il sabato, alle ore 22 la veglia pasquale cittadina nella notte Santa. A Todi la processione del Cristo morto con fiaccole percorre tutto il centro storico, da Porta Romana fino a piazza Garibaldi.Qui, nella caratteristica chiesetta aperta solo in questa occasione, viene deposto il Cristo. Particolarmente spettacolare la Via Crucis a Collevalenza, altro appuntamento tradizionale che con oltre duecento figuranti in costume offre una suggestione unica. Ha raggiunto ormai il secolo di vita la ricostruzione che va in scena a Montecchio. Si inizia alle 21. La processione sarà accompagnata da canti popolari.