Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Nuove telecamere in arrivo contro gli atti vandalici

Chi. Fa.
  • a
  • a
  • a

Tre nuove telecamere per piazza Vittoria così da assicurare la copertura su tutti e quattro i lati della zona a ridosso della mura medievali. C'è soprattutto il potenziamento della videosorveglianza nel progetto “Spoleto città sicura 2.0” che ha ottenuto circa 19.000 euro di finanziamento dalla Regione per l'implementazione delle telecamere in città, ma anche per l'ammodernamento di quattro dei 32 occhi elettronici già esistenti, vale a dire quelle installati nel lontano 2004 tra corso Garibaldi e corso Mazzini di risoluzione video scadente e quindi poco efficaci in caso di necessità. Per la verità l'intervento avrebbe già dovuto essere se non altro aggiudicato a una ditta per l'installazione, ma nel bilancio di previsione 2015 non si sono trovate 13.200 euro da destinare al progetto, ossia la quota di cofinanziamento a carico del Comune. Le risorse saranno quindi inserite nel previsionale, a cui lavorano ormai da alcune settimane dirigenti e assessori di Palazzo, e prima dell'estate sarà pubblicata la gara per individuare il privato che monterà le tre nuove telecamere e sostituirà le vecchie, assicurando anche quella parte impiantistica relativa al servizio di telecontrollo, allestito all'interno del comando della polizia municipale. La scelta di piazza Vittoria, va detto, è stata assunta in virtù della delicata condizioni in cui versa la zona, dove nell'arco del 2015 si sono consumati quattro episodi violenti per la disperazione di alcuni commercianti presenti nell'area che hanno più volte sollecitato il Comune a definire interventi anche di riqualificazione. In questo senso, risulta che un progetto per piazza Vittoria è al vaglio anche nell'ambito dell'Agenda urbana che potrebbe ridefinire la viabilità della zona a ridosso di piazza Garibaldi. Attualmente in centro storico sono comunque presenti ben 32 occhi elettronici comprese le quattro telecamere più obsolete ma senza contare gli impianti di videosorveglianza di cui sono dotati istituti di credito, attività commerciali e pure mobilità alternativa. Qui, in particolare lungo il percorso meccanizzato che collega la Ponzianina alla Rocca, si sono registrati alcuni episodi di vandalismo, il più grave dei quali sarebbe consistito nel prendere a calci fino a far cedere una fila di pietre del muro a protezione del camminamento tra le due rampe di scale mobili. Umbria Mobilità ha presentato regolare denuncia contro ignoti.