Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Il libro di Jack Sintini presentato alla Camera dei Deputati

Roberto Minelli
  • a
  • a
  • a

E' stata presentata nella sala stampa della Camera dei Deputati l'attività dell'associazione intitolata a Giacomo Sintini, il campione di pallavolo che è riuscito a sconfiggere il cancro, a tornare a giocare e a vincere. Erano presenti, oltre a Sintini, anche l'onorevole Giampiero Giulietti e il sindaco di Corciano Cristian Betti (comune in cui ha sede l'associazione); sono inoltre intervenute, introdotti dal direttore del Corriere dell'Umbria Anna Mossuto, alcune delle persone (tra cui Antonio Curti, Carla Casciari e Gian Luca Laurenzi) che con Giacomo, per gli amici Jack, hanno condiviso la sofferenza della malattia, la vittoria contro il tumore e il ritorno alla vita. “Giacomo Sintini è un ragazzo che non si è arreso e che ha trovato la forza di reagire negli affetti familiari e nella sua determinazione - ha affermato l'onorevole Giulietti-. Oggi Giacomo ha fondato un'associazione che, oltre a raccogliere fondi per la ricerca contro linfomi e leucemie, aiuta ad infondere la forza e il coraggio di andare avanti e di non arrendersi mai di fronte alle difficoltà. E questo è un bell'esempio per tutti noi”. “Giacomo è entrato nella vita della comunità corcianese e ci ha contagiato con il suo entusiasmo - ha affermato il sindaco di Corciano Betti -. Il Comune ha aperto ben volentieri le porte alla sua associazione e insieme cercheremo di portare avanti questo importante progetto”. “Prima della malattia avevo un futuro lungo e pieno di progetti, poi il cancro ha cancellato tutte le speranze - ha raccontato Sintini -. Allora ho fatto appello al background che mi ero creato nella mia vita da sportivo: dovevo trovare la squadra per combattere un nemico ostico e sconosciuto e l'ho trovata nella mia famiglia, nella medicina e nei dottori dell'ospedale Santa Maria di Misericordia di Perugia, che mi hanno seguito con professionalità e dedizione nel mio percorso di cura e guarigione. Sconfitto il cancro, sono tornato a giocare e a vincere e così ho deciso di raccontare nel dettaglio le sofferenze che ho vissuto attraverso il libro “Forza e coraggio” con il fine di trasmettere un messaggio, quello che se ce l'ho fatta io a vincere la malattia, ce la possono fare tutti”. Nel corso dell'incontro a Montecitorio Sintini, che è anche editorialista del Corriere dell'Umbria, ha ricordato i traguardi raggiunti dall'associazione in circa 4 anni di vita e riassumibili in oltre 400mila euro di fondi raccolti, donazioni per la ricerca onco-ematologica all'ospedale di Perugia e progetti sostenuti in tutta Italia con la stessa finalità. “Sembra impossibile - ha proseguito Giacomo - ma il cancro mi ha aperto nuove porte e nuove frontiere; prima nel mio futuro vedevo una carriera come allenatore, poi, dopo la malattia, ho cominciato a raccontare la mia storia e a tenere corsi di formazione, anche presso la Scuola di amministrazione pubblica Villa Umbra, e oggi collaboro con importanti aziende, come Bosch e Randstad, sia come formatore ed esperto di risorse umane che nell'ambito del progetto di alternanza scuola-lavoro "Allenarsi per il futuro"; è un lavoro che amo, dal grande valore etico, che mi permette di continuare a diffondere il mio messaggio”. Dopo la guarigione e la stesura del libro, Sintini ha intrapreso un tour di presentazioni in tutta Italia che l'hanno portato all'attenzione di istituzioni e aziende che hanno visto nella sua storia uno strumento di diffusione di messaggi positivi.