Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Mamma disperata: "No al ticket sul farmaco salvavita"

default_image

Alessia Nicoletti
  • a
  • a
  • a

Si ripresenta l'incubo del ticket sul farmaco salvavita che nell'aprile scorso era stato oggetto di una forte e chiara denuncia di una mamma di Norcia. L'appello di Anna, questo il nome della signora la cui figlia di soli tredici anni è affetta da una seria patologia renale, torna così a irrompere dopo pochi mesi dall'ultima lotta che l'ha vista protagonista a favore del diritto alla salute. Una protesta, riguardante il farmaco Sandimmum Neoral, che varcò i confini della terra di San Benedetto per interessare tutto il Paese, poiché l'allora aumento esorbitante del ticket arrivato a 75 euro fu giustamente considerato assurdo, visto che considerata la sua natura di farmaco salvavita non poteva in alcun modo essere sostituito con farmaci generici. Ad aprile, dopo le varie mobilitazioni, l'Agenzia italiana del farmaco fece marcia indietro mantenendo il medicinale nell'elenco dei farmaci rimborsati al cittadino dal Servizio sanitario nazionale. Ma l'incubo si è ripresentato da qualche giorno, quando il farmaco è tornato ad essere disponibile solo ed esclusivamente dietro il pagamento di un ticket di 60 euro, a meno che non si sia subito un trapianto renale. Insomma, per un solo farmaco, la spesa di cura per una famiglia equivale, nei casi più gravi, ad una vera e propria tassa di circa duecento euro. Ecco allora tornare anche la forza di Anna che contro l'ennesima beffa si chiede: “Devo forse sperare che mia figlia venga trapiantata? Il diritto alla salute è fondamentale e far pagare un farmaco salvavita è un'ingiusta penalizzazione per chi è già penalizzato in quanto malato”. Per queste ragioni e considerando anche che una confezione di Sandimmum Neoral riesce a garantire la terapia a sua figlia che lo assume da oltre un anno solo per una decina di giorni, Anna rivolge il suo urgente appello a tutti i livelli politici e a tutti coloro che hanno voce in capitolo, affinché questa ingiusta e assurda decisione venga rivista e ritirata definitivamente. La mobilitazione è appena cominciata.