Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Mammografo a microonde, al via i test

default_image

Sabrina Busiri Vici
  • a
  • a
  • a

I vantaggi ci sono. Ed è così che si misura il progresso. Specialmente quando si parla di lotta contro la prima causa di mortalità femminile: il tumore al seno. Venerdì 16 gennaio ha fatto il suo ingresso all'ospedale Santa Maria della Misericordia di Perugia, nel reparto di radiologia diretto dal dottor Michele Duranti, il nuovo mammografo a microonde. E presto inizierà la sperimentazione. La strumentazione, nata da un'idea dell'ingegner montefalchese, esperto di elettromagnetismo, Gianluigi Tiberi e del meccanotronico assisano Giovanni Raspa, è, infatti, una innovazione assoluta nel campo del rilevamento del tumore al seno proprio per l'utilizzo della tecnologia microonde che garantisce al paziente l'assenza di radiazioni, una refertazione veloce e sicura e permette la rilevazione in tutta comodità, stesi sul lettino, senza alcun schiacciamento del seno che risulta in tutti i casi fastidioso, in alcuni addirittura insopportabile. Inoltre la nuova tecnologia consente anche di effettuare l'esame in qualsiasi periodo del ciclo mestruale eliminando così la complicazione di far coincidere i “giorni sì” del mese con quelli indicati nella prenotazione. Ai test clinici si arriva, dopo un paio di anni di studi teorici, iniziati nel 2010 da Gianluigi Tiberi. Sua, infatti, è stata l'intuizione originaria che sarebbe comunque rimasta un'idea se non ci fosse stato l'incontro con l'amico Giovanni Raspa. Insieme hanno subito iniziato a lavorare alla realizzazione con approfondimenti teorici che hanno portato alla progettazione e alla costruzione del primo prototipo del rivoluzionario mammografo e al suo brevetto. L'obiettivo da raggiungere è importante: la diffusione dello screening di massa grazie alle caratteristiche del nuovo strumento, assolutamente innocuo tanto da poter ripetere l'esame molteplici volte. Inoltre, di grande importanza, è il prezzo competitivo. Un plus, ottenuto grazie a costi di fabbricazione bassi, che apre un mercato potenziale molto più vasto dell'attuale.