Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Equitalia, "regalo" di Natale: stop alle cartelle

Roberto Minelli
  • a
  • a
  • a

E' una boccata d'ossigeno natalizia, quella concessa da Equitalia che ha deciso di sospendere l'invio di cartelle e atti, con l'eccezione dei casi inderogabili (cioè delle procedure a rischio decadenza o prescrizione dei termini), dal 24 dicembre al 6 gennaio. Una pausa che sicuramente sarà apprezzata dai cittadini alle prese con tasse e balzelli vari. “In Umbria - spiega Equitalia in una nota - dove in media vengono spedite 4 mila e 200 cartelle a settimana (di cui 3.200 solo a Perugia), nel periodo di sospensione è prevista la spedizione di sole 300 cartelle (di cui 230 a Perugia)”. Un provvedimento voluto dall'amministratore delegato Ernesto Maria Ruffini e che coinvolgerebbe centinaia di migliaia di famiglie e imprese in tutta Italia. "Equitalia vuole essere dalla parte degli italiani, non contro - è la linea del nuovo corso avviato da Ruffini - la sospensione è un atto di attenzione verso imprese e famiglie con cui stringere un nuovo patto perché il recupero dei crediti e dell'evasione sono fondamentali, così come lo è poter avere gli italiani al proprio fianco". Una decisione che non ha precedenti nei dieci anni di storia della società pubblica partecipata da Agenzia delle Entrate e dall'Inps e che lo scorso anno ha riscosso 7,4 miliardi e che prevede, nel 2015, di sfiorare gli 8 miliardi. Articolo completo nel Corriere dell'Umbria di mercoledì 23 dicembre (CLICCA QUI)