Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Ancora alta pressione, niente freddo fino a gennaio

Roberto Minelli
  • a
  • a
  • a

L'area di alta pressione di matrice sub-tropicale che staziona da settimane sull'Italia e su buona parte del Mediterraneo non mostra importanti segnali di indebolimento: ciò significa che anche nei prossimi giorni l'inverno non riuscirà ad imporsi e le perturbazioni più importanti continueranno a transitare lontane dall'Italia. È ormai molto probabile che non solo nel periodo natalizio ma anche negli ultimi giorni dell'anno avremo tempo anticiclonico con rischio di nebbie e strati nuvolosi bassi, temperature molto miti e sostanziale assenza di precipitazioni e soprattutto di neve in montagna. Condizioni queste che - secondo i meteorologi del Centro Epson Meteo - aggraveranno ulteriormente il problema dello smog non solo nelle città della Val Padana, con livelli di Pm10 doppi e addirittura tripli rispetto alla soglia limite. Tra mercoledì 23 e giovedì 24 dicembre si verificherà un temporaneo cedimento del campo anticiclonico che porterà il rischio di deboli e locali precipitazioni sulle regioni settentrionali, ma non una vera svolta invernale. Mercoledì cielo nuvoloso o molto nuvoloso sulle pianure del Nord, in Liguria su coste dell'alto Adriatico, Toscana, Umbria e alto Lazio con la possibilità di piogge deboli o pioviggini su Liguria, nordovest della Toscana e Venezia Giulia. La vigilia di Natale sarà una giornata nuvolosa in prevalenza su regioni del Nord, centrali tirreniche, Umbria con qualche goccia di pioggia o pioviggine al mattino tra Liguria alta Toscana, Val Padana centro-orientale e Venezia Giulia. Per il giorno di Natale nel complesso il tempo sarà abbastanza soleggiato, senza precipitazioni e decisamente mite per il periodo: su Sardegna e Sicilia si potrebbero sfiorare addirittura i 20 gradi; temperature con picchi di 13-14 gradi sulle zone pedemontane del Nord. Le nuvole potrebbero insistere tra Liguria, bassa Val Padana, Emilia Romagna, Toscana, Umbria, Marche. Qualche nuvola di passaggio al Sud. L'alta pressione stazionerà sul nostro Paese anche nei giorni successivi al Natale, fino a fine anno, causando ancora una volta assenza di precipitazioni e di freddo, con temperature decisamente al di sopra delle medie. Non sono inoltre previste nevicate in montagna.