Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Documenti non in regola, salma della nonna rischia riesumazione

Roberto Minelli
  • a
  • a
  • a

Funerale concluso. L'amata nonna, dopo cinque anni di dolorosa lotta contro l'Alzheimer, riposa in pace. I parenti non hanno ancora finito di asciugare le lacrime, quando ricevono una telefonata dal responsabile delle cooperative che gestiscono i cimiteri. Li informa che l'agenzia funebre ha agito senza documentazione e che il feretro il giorno dopo verrà tirato fuori dal loculo. A raccontare l'incredibile vicenda, la terza del genere in pochi mesi, è un giovane ternano, ancora lui stesso sbalordito di quanto avvenuto: “Il 7 dicembre - racconta - purtroppo è venuta a mancare mia nonna materna, accudita per 5 anni a casa nostra. Ci siamo rivolti ad un'agenzia di pompe funebri con sede a Terni. Fin dal principio ci siamo insospettiti del fatto che al momento di firmare il contratto ci sono stati chiesti soldi in anticipo, precisamente il 60% del totale, da pagare rigorosamente in contanti”. Chi mai si metterebbe a discutere in un momento del genere? Ovviamente la famiglia paga. Il funerale si svolge il 9 dicembre apparentemente in maniera regolare. La tumulazione avviene senza problemi. “Siamo tornati a casa più o meno alle 13 - racconta ancora il ragazzo - e qualche ora dopo è arrivata la telefonata in cui ci è stato comunicato che l'agenzia non aveva prodotto i documenti e che il rischio era di dover riesumare la bara a poche ore dalla sepoltura”. La famiglia si è rivolta ovviamente di nuovo all'agenzia che aveva effettuato il servizio. “All'inizio hanno accampato scuse su scuse, poi hanno proprio smesso di rispondere alle nostre telefonate”. A questo punto ai parenti della povera donna non è rimasto altro da fare che mettersi in moto e girare nei vari uffici cittadini per produrre la documentazione prevista dalle norme. “E' stata una situazione surreale - chiosa il giovane - Non è possibile che accadano episodi del genere”. Mesi scorsi per la mancanza di un timbro era stata negata la tumulazione di una bara. E' più recente il caso della messa funebre senza feretro: in quel caso mancava l'autorizzazione per effettuare il trasporto.