Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Antenna, a sorpresa via ai lavori: doccia fredda sui residenti

Benedetta Pierotti
  • a
  • a
  • a

Sono ripartiti mercoledì mattina, 16 dicembre, i lavori nel cantiere in cui dovrebbe sorgere il traliccio di 27 metri su cui saranno installate diverse antenne per la telefonia mobile. Il piano dei lavori parla di un “ponte radio base” per 30mila euro. Il permesso edile è stato concesso dagli uffici comunali di Gubbio il 27 luglio, i lavori sono partiti alcune settimane fa, all'insaputa di giunta e popolazione. Il cantiere sembra essere ripartito all'indomani di una serie di trattative tra Comitato di cittadini di Padule “No all'antenna”, uffici comunali, sindaco Filippo Stirati, Arpa e azienda di telefonia proprietaria del traliccio e del terreno acquistato da un privato. “Ci sentiamo abbandonati e presi in giro, nessuno ci ha presi in considerazione - lamentano dal comitato - anche il sindaco smetta di nascondersi dietro alla facciata della ‘strumentalizzazione politica', qui si tratta di tutela della salute della comunità e delle future generazioni”. Alcuni hanno tentato, in modo pacifico e di primo acchito, sconcertati dalla presenza di ruspe nel cantiere, di fermare i lavori scendendo sul terreno scavato, poco dopo però si sono spostati di spontanea volontà, anche se i direttori del cantiere avevano già, per precauzione, contattato la polizia municipale. Il sindaco Stirati e l'assessore Tasso e i consiglieri comunali Gagliardi e Barilari si sono recati sul posto per un confronto con i cittadini assicurando di non sapere della ripresa dei lavori. Ripresa comunicata invece - affermano i cittadini, che poco prima avevano consultato il geometra responsabile del cantiere - tramite e-mail ufficiale. Il sindaco poco dopo ha lasciato l'area, affermando di voler valutare l'immediata possibilità di sospensione dei lavori contattando Arpa e l'azienda privata. In serata i cittadini si sono dati appuntamento in piazza Grande per parlare ancora con il primo cittadino. I consiglieri di minoranza hanno richiesto un consiglio comunale pubblico sui lavori per l'antenna.