Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Obbligazioni spazzatura: in fumo vincita milionaria al Superenalotto

Eu. Gri.
  • a
  • a
  • a

Dalle stelle alle stalle. La sera del 22 settembre di 4 anni fa è iniziato il sogno, pochi giorni fa il brusco risveglio per un eugubino il cui tesoretto, vinto con una sestina megamultimilionaria, è stato ingoiato dal crollo di uno dei quattro istituti di credito finiti nell'occhio del ciclone. Si parla di una cifra di circa 600mila euro investita in obbligazioni di una delle banche incriminate. Roba da infarto. Che per fortuna non lo aveva colpito al momento della vincita realizzata al bar Europa di Gubbio, dove i due gestori, giocando un sistema da 4 euro a quota, riuscirono ad azzeccare i sei numeri fortunati: 4, 6, 27, 37, 45 e 58. Numero jolly 84, Superstar 1. Era stata la nona vincita più alta di sempre nella storia del concorso ed era stata messa a segno dopo sei mesi in cui nessuno era riuscito a beccare la combinazione giusta. A ciascun vincitore andarono circa 650mila euro e ognuno ne ha fatto quello che ha voluto. Il nostro li aveva, come detto, investiti in obbligazioni bancarie che sono andate letteralmente in fumo come carta straccia gettata tra le fiamme. L'uomo ha perso tutto e ovviamente non ci sta. Per questo si è rivolto a un affermato studio legale per cercare di capire se sia possibile agire in qualche modo per recuperare i soldi. Ma si tratta, è evidente, di un'impresa che non sappiamo definire se difficile o impossibile dopo il decreto “salva banche” varato dal governo Renzi. E' il caso più eclatante, ma anche altri avvocati hanno sul tavolo fascicoli simili, seppure - per fortuna degli investitori - con la denuncia di cifre molto più basse. Superenalotto a parte, Gubbio è stata spesso baciata dalla dea bendata. Gratta e vinci con cifre anche importanti (un milione di euro in una botta sola) e lotto hanno dispensato negli anni davvero tantissimi soldi. Stavolta, invece, sembra quasi che la fortuna si sia voluta prendere una rivincita, risucchiando praticamente tutti i soldi che aveva elargito allo sfortunato oggi, e fortunato allora, scommettitore eugubino.