Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Umbria Mobilità, in vendita i "gioielli" romani

Ale. Ant.
  • a
  • a
  • a

Umbria mobilità vende i gioielli romani. Un fabbricato direzionale con annessi parcheggi in via Fontanesi, un terreno edificabile destinato a parcheggio autobus in via Raffaele, entrambi nel Comune di Roma, e un fabbricato situato nel Comune di Acilia. Costo complessivo di 20 milioni di euro: tale è la cifra posta a base d'asta. L'immobile che ospita gli uffici è attualmente in locazione con quattro contratti (scadenza nel 2018) rispettivamente da 116.800 euro, 315.540 euro, 200.450 euro e 62.412 euro più Iva. Il terreno destinato a parcheggio bus è pure concesso in affitto - anche questo fino al maggio 2018 - per 516mila euro l'anno. Ma soprattutto il primo immobile “è oggetto di contratto di leasing con Mediocredito e Monte dei Paschi di Siena leasing. Alla data del presente bando d'asta pubblica il residuo debito a carico di Um tpl e mobilità è pari a 11.227.933,77 euro”. Per cui “l'aggidicazione della presente procedura è subordinata alla disponibilità degli istituti finanziari a trasferire in campo all'aggiudicatario dell'asta il residuo finanziamento da rimborsare e all'esplicita volontà di quest'ultimo dell'accollo”. L'unico “e definitivo incanto” con le offerte segrete ci sarà il 12 gennaio prossimo nella sede della società di trasporti umbra, in strada Santa Lucia a Perugia. Con questa operazione Umbria mobilità prova a rientrare dai debiti pregressi, che ammontano a svariate decine di milioni. Solo 40 quelli che fanno riferimento ai crediti non ancora riscossi nei confronti della partecipata Roma tpl. Umbria mobilità peraltro deve ancora rendere alla Regione dell'Umbria (socia di maggioranza) le anticipazioni versate per far fronte alla crisi finanziaria degli anni scorsi.