Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Anziani soli, arriva il badante di condominio

Eleonora Sarri
  • a
  • a
  • a

Badanti di condominio, che dietro un piccolo compenso orario aiutino i loro vicini in difficoltà, integrando il proprio reddito e fornendo un servizio di prossimità prezioso per gli anziani senza una rete parentale. Questa nuova figura sarà attivata a Città di Castello dopo il voto favorevole, quasi all'unanimità - contrario Marcello Rigucci della Lega - alla mozione del capogruppo del Pd Gaetano Zucchini, che ha proposto l'istituzione di quello che tecnicamente è definito “Operatore di condominio e di quartiere”. Nella proposta presentata, Zucchini prevede che sia il Comune a farsi promotore del progetto, creando un elenco di operatori che assistano più utenti in ambito condominiale, di quartiere o della stessa frazione, dotati dei requisiti minimi: idoneità fisica, maggiore età, residenza nel comune, condizione di disoccupazione o inoccupazione, in regola con la normativa in materia di immigrazione, patente di guida. In questo caso sarebbero i Servizi sociali del comune a verificare il rispetto dei criteri di ammissibilità e a tenere l'elenco degli operatori e dei potenziali committenti.