Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Sagra dell'agone, quattro giorni di "tutto esaurito"

I partecipanti al

Roberto Minelli
  • a
  • a
  • a

Che il pesce di lago possa rappresentare un'importante proposta gastronomica in grado di competere con cucine ritenute più appetibili, lo dimostra il successo della Sagra dell'agone organizzata dalla proloco di San Savino di Magione. Quattro giorni di tutto esaurito e un grande apprezzamento per i piatti a base di pesce di lago. Uova di regina, pesce persico, agoni e anguilla sono stati la base di proposte gastronomiche che hanno richiamato appassionati anche da fuori regione. "L'iniziativa, giunta alla terza edizione, nasce proprio con lo scopo di valorizzare questo piccolo pesce: il latterino, noto comunemente con il nome di agone – ha spiegato Maurizio Orsini, presidente della proloco di San Savino. – La scelta di organizzarla a fine ottobre è legata al fatto che questo pesce, anche in passato, veniva mangiato proprio nel periodo di raccolta dell'olive perché è più buono". "Anche per l'anguilla abbiamo fatto un ottimo lavoro – prosegue Orsini –. Grazie alla particolare lavorazione siamo riusciti ad ottenere un piatto che è stato apprezzato da tutti". Tante anche le persone che hanno partecipato al “Giro del morto”: visita guidata, realizzata in collaborazione con Arci e Società operaia Magione, con lo storico Giovanni Riganelli. Buona cucina ma, anche, amore per il proprio paese. Così, grazie anche ai proventi della festa, si procederà, tra i tanti progetti in essere, alla realizzazione dei nuovi bagni pubblici e alla sistemazione del vecchio impianto sportivo dove oltre a un campo di calcio a 7 verrà realizzato, in collaborazione con l'associazione Asd paintball di Magione, un campo di gioco per questa attività sportiva.