Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Risultati scolastici, il Rotary premia due studentesse

Alice Guerrini
  • a
  • a
  • a

Un riconoscimento agli studenti come stimolo “ad essere sempre migliori nello studio e nella vita”. Con queste parole il presidente del Rotary club Perugia-Trasimeno, Marco Passeri ha aperto l'incontro che si è svolto venerdì 16 ottobre nell'istituto Omnicomprensivo di Magione e che ha accolto la premiazione di alcuni studenti che si sono distinti per capacità e attitudini nello studio durante l'anno scolastico 2014-2015. A ricevere attestato e riconoscimento in denaro, due studentesse dell'Istituto tecnico commerciale presente nel capoluogo: Giulia Paolacci ed Erika Ciaramita. GUARDA LE FOTO Un evento alla prima edizione che proseguirà anche negli anni a seguire. Ad aprire la mattinata, i saluti del dirigente scolastico, Filippo Pettinari che ha commentato così il progetto voluto dal Rotay club: “riconoscere il valore di un modello positivo è molto importante, soprattutto per contrastare i comportamenti negativi. Questo premio esalta le qualità degli studenti, facendogli capire il valore di mettere al servizio degli altri le loro capacità”. La mattinata che ha visto anche la presenza del sindaco, Giacomo Chiodini e del tesoriere di Rotary club, Roberto Risca, è stata l'occasione per parlare dell'attività che questa storica associazione porta avanti ormai da tempo in tutto il Mondo, grazie alle sue 200 sedi e ai suoi circa un milione e 200mila soci. Una grande famiglia, come l'ha chiamata il presidente Passeri, che ha lo scopo di servire al di sopra di ogni interesse personale e che porta avanti tante battaglie. In particolare il Rotary è stato ed è protagonista, dal 1979, dell'importante lotta contro la poliomelite. Insieme alle studentesse Paolacci e Ciaramita, sono stati premiati con una medaglia simbolica, anche altri sei studenti per aver ottenuto traguardi importanti in diverse discipline scolastiche. Questi i loro nomi: Lorenzo Arrotini, Cecilia Dolciamo, Alizea Licaj, Yuri Milasi, Giada Pagano e Sukhjit Singh.