Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

L'aeroporto di Perugia confermato tra i 38 scali di interesse nazionale

default_image

Federico Sciurpa
  • a
  • a
  • a

L'aeroporto San Francesco di Perugia è confermato, dopo le anticipazioni del febbraio 2015, come scalo di interesse nazionale. Lo comunica con una nota la presidenza del consiglio. E' stato infatti approvato dal consiglio dei ministri uno schema di decreto del Presidente della Repubblica che individua i 38 aeroporti di interesse nazionale, e quello di Perugia è tra questi. LEGGI Luglio "boom" all'aeroporto di Perugia Il decreto "individua gli aeroporti e i sistemi aeroportuali di interesse nazionale, quali nodi essenziali per l'esercizio delle competenze esclusive dello Stato, tenendo conto delle dimensioni e della tipologia del traffico, dell'ubicazione territoriale e del ruolo strategico dei medesimi, nonché di quanto previsto nei progetti europei TEN". LEGGI Ryanair: voli per Brindisi a 9.99 euro a settembre Il provvedimento "è finalizzato allo sviluppo del settore all'interno di una governance che contemperi le esigenze della domanda di traffico nazionale e internazionale con quelle di sviluppo dei territori, di potenziamento delle infrastrutture necessarie, di utilizzo proficuo delle risorse pubbliche impiegate e di efficientamento dei servizi di navigazione aerea e degli altri servizi resi in ambito aeroportuale. L'individuazione degli aeroporti di interesse nazionale, quali nodi essenziali per l'esercizio delle competenze esclusive dello Stato, si pone, inoltre, in linea con la programmazione nazionale del settore nonché con la razionalizzazione delle infrastrutture aeroportuali e dei relativi servizi. Dieci bacini di traffico nazionale con 38 aeroporti di interesse nazionale Nei “dieci bacini di traffico nazionali” individuati, vengono indicati  “gli aeroporti di interesse nazionale”: Nord Ovest (Milano Malpensa, Milano Linate, Torino, Bergamo, Genova, Brescia, Cuneo); Nord Est (Venezia, Verona, Treviso, Trieste); Centro Nord (Bologna, Pisa, Firenze, Rimini, Parma, Ancona); Centro Italia (Roma Fiumicino, Ciampino, Perugia, Pescara); Campania (Napoli, Salerno), Mediterraneo / Adriatico (Bari, Brindisi, Taranto); Calabria (Lamezia Terme, Reggio Calabria, Crotone); Sicilia orientale (Catania, Comiso); Sicilia occidentale (Palermo, Trapani, Pantelleria, Lampedusa); Sardegna (Cagliari, Olbia, Alghero).