Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Troppi decibel, discoteca chiusa: titolari sul piede di guerra

Antonio Mosca
  • a
  • a
  • a

La polizia municipale di Terni rovina la festa al Chico summer village, la discoteca all'aperto sulle rive del lago di Maratta. Sabato 22 agosto, mentre quasi un migliaio di persone si stava divertendo sulle 3 piste del locale estivo, i vigili urbani si sono presentati per notificare un provvedimento del Comune che dispone la sospensione della licenza per eccesso di decibel. Per l'esattezza - come certificato dall'Arpa - sarebbero appena 3 di troppo a finestre chiuse e 10 a finestre aperte. Ma tanto è bastato per far chiudere il locale, come richiesto da un esposto. Ci sono stati momenti di autentica tensione. “Come avrei potuto salire sul palco e dire a tutta quella gente che doveva andare a dormire?”. Francesco Piersanti, rappresentante legale della società che gestisce il parco divertimenti, si è posto la domanda, ma ha preferito far concludere la serata per evitare guai ancora più seri. “Di conseguenza - racconta esterrefatto - mi sono preso pure una denuncia. Intanto domenica 23 agosto abbiamo dovuto chiudere il locale per il liscio, l'unico dei 3 aperto di domenica. Avevamo già 500 prenotazioni per la grande orchestra di Daniele Tarantino. Ma non c'è stato niente da fare”. In tanti, non essendo riusciti a informarsi per tempo, si sono presentati comunque nel locale, trovando tutti i cancelli chiusi. Se ne riparlerà, stando all'ordinanza della direzione Ambiente di palazzo Spada, quando le emissioni sonore ritorneranno nei limiti. “Cosa che, con tutti i controlli di routine, potrà avvenire non prima di un mese. In pratica - afferma Francesco Piersanti - la stagione è finita qui. Nonostante gli ingenti investimenti che abbiamo fatto per sistemare un'area chiusa e lasciata nel degrado da anni. E nonostante i 30 posti di lavoro regolare che garantiamo, tra bar, ristorante piste da ballo e addetti alla sicurezza. Roba da non credere”. E pensare che sabato notte, come sempre, c'era stato il tutto esaurito, sulla pista del liscio come in quella dei balli latinoamericani e della disco music anni '70 e '80.