Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Valdichienti, verifiche su tutte le gallerie

Alfredo Doni
  • a
  • a
  • a

La galleria La Franca andrà rinforzata. Le altre si vedrà. Lo ha detto chiaro e tondo il presidente di Anas, Gianni Armani, a Report, la trasmissione che il 12 aprile aveva mandato in onda l'intervista all'operaio secondo cui la galleria sarebbe stata realizzata con meno cemento del necessario, con conseguente pericolo di crollo. Dai risultati delle verifiche avviate all'indomani della denuncia, “viene fuori che ci sono delle non conformità - si legge nel sito Corriere.it che offre un'anticipazione della puntata di Report in onda domenica 7 giugno - e in particolare si evidenziano dei sottospessori rispetto a quanto previsto dal progetto che indicava 50 centimetri di calcestruzzo: c'è un 10% della galleria dove lo spessore è inferiore di almeno 20 centimetri. Questo significa che quella galleria va rinforzata in alcuni punti (LEGGI L'ARTICOLO)". Più o meno le stesse parole che ha pronunciato il sottosegretario ai Trasporti e alle infrastrutture, Umberto Del Basso De Caro, chiamato a rispondere in commissione ambiente alle interrogazioni presentate da diversi parlamentari. Un disastro? No, a sentire il presidente di Quadrilatero Guido Perosino. Quest'ultimo getta acqua sul fuoco e spiega: “Il dato più importante che viene fuori dalle verifiche effettuate con il georadar nella galleria è che non esiste alcun rischio di natura statica, non c'è pericolo di crollo tanto per essere chiari; per ciò che riguarda la quantità di calcestruzzo impiegato, essa è decisamente superiore a quanto previsto dal progetto e la sua qualità, testata su ben 770 prelievi, è risultata assolutamente regolare”. Il presidente, tuttavia, precisa che “la strada è ancora un cantiere e quindi non nella disponibilità di Quadrilatero”. Lo sarà, come i tratti già aperti, una volta superati i collaudi. Insomma, a sentire Perosino grossi problemi non ci sarebbero: “L'apertura dell'intero tratto Foligno-Civitanova slitterà per forza di qualche mese, ma sono certo che entro l'anno in corso potremo inaugurare la quattro corsie”. Nel frattempo, comunque, le verifiche sui lavori effettuati riguarderanno tutte le gallerie della Valdichienti, comprese quelle già aperte al traffico. Articolo completo nell'edizione del Corriere dell'Umbria di venerdì 5 giugno (CLICCA QUI)