Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Lavori in via Perugina, quanti disagi: residenti e commercianti esasperati

Benedetta Pierotti
  • a
  • a
  • a

Ancora disagi in via Perugina, a Gubbio: residenti ed esercenti sono in agitazione per le difficoltà che ancora, dopo mesi, riscontrano nel raggiungere la propria abitazione ed il posto di lavoro. Particolari disagi in concomitanza con gli orari scolastici, quando le auto restano imbottigliate e si creano lunghe code, causando ritardi nell'ingresso dei bambini a scuola e, spesso, dei genitori negli uffici. La strada è ancora disagevole da percorrere: l'asfaltatura sarà terminata solo alla fine dell'intero cantiere. Disagi soprattutto il martedì, giorno di mercato settimanale. Da qualche giorno la carreggiata, l'arteria principale della viabilità cittadina, è stata chiusa completamente, come prima di Natale, costringendo gli automobilisti a passare per la variante e per viale del Teatro romano, o per viale della Rimembranza nella zona urbana ad est. I lavori di questo primo stralcio, dalla rotatoria all'incrocio con via della Vittorina e all'incrocio con via Beniamino Ubaldi, dovrebbero terminare a fine febbraio, proseguiranno poi nel secondo stralcio, da via Beniamino Ubaldi all'incrocio con via del Mausoleo, e poi ancora fino al semaforo di piazza Quaranta martiri, dove il semaforo sarà sostituito da una rotatoria. A fine febbraio la carreggiata del primo stralcio dovrebbe venire riaperta in entrambi i sensi di marcia, dato che marciapiede e condutture sotterranee sono ormai predisposti. I cittadini auspicano però la conclusione definitiva per maggio, per la Festa dei Ceri, anche se desta preoccupazione la larghezza dei nuovi marciapiedi, ma solo la conclusione dei lavori permetterà di conoscere il look della via. Il cantiere, aperto da novembre, è proseguito senza sosta anche con la neve, affidato in appalto alla ditta Tecnoservice, con un finanziamento totale di 444.800 euro, di cui una parte dalla Regione Umbria per 244.800 euro ed una parte comunale di 200mila euro.