Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Scuola, mappatura di tutti i plessi dell'Umbria per ripartire in sicurezza. Tavolo tecnico al lavoro

Catia Turrioni
  • a
  • a
  • a

Scuola, anche l'assessore regionale Paola Agabiti alla prima riunione del tavolo tecnico voluto dal dirigente scolastico regionale, Antonella Iunti, per prepararsi alla riapertura di settembre. Il tavolo 112, come è stato definito, dovrà studiare soluzioni molto velocemente modulabili, come spiega il preside Massimo Belardinelli, per essere adattate all'emergenza. Tra le questioni di maggiore rilevanza che devono essere subito affrontate ci sono quelle relative all'edilizia e ai trasporti. Su questi aspetti, però, si lavora contemporaneamente anche in ambito territoriale. Nel corso della riunione del tavolo 112, l'assessore Agabiti ha reso nota l'ipotesi di calendario scolastico su cui sta lavorando la Regione e che prevede l'apertura delle scuole il 14 settembre e la conclusione il 9 giugno. “Noi riteniamo che questa possa essere una proposta valida - evidenzia Agabiti - ma per ufficializzarla dobbiamo attendere il Ministero. Peraltro, sempre dal Ministero, dovranno darci linee guida precise su cui muoverci in vista della riapertura. Al momento non sappiamo niente”. Ieri, l'assessore Agabiti ha incontrato, in videoconferenza, il presidente di Anci Umbria, Francesco De Rebotti, il viceministro dell'Istruzione, Anna Ascani e la coordinatrice della Consulta istruzione di Anci Umbria, Rossella Cestini. Erano presenti anche il presidente di Upi Umbria, Giampiero Lattanzi e rappresentanti dell'Ufficio scolastico regionale per l'Umbria. Il viceministro Ascani ha ribadito “l'importanza di riprendere le lezioni in presenza”. “In questa prima fase – è stato detto – si procederà con una sorta di mappatura di tutte le scuole di ogni ordine e grado, per verificare capienza, numero di studenti e disponibilità di aule”. E' stato anche aggiunto che “le problematiche saranno maggiori per le scuole secondarie di secondo grado che non per la primaria e la secondaria di primo grado, su cui in ogni caso si sta valutando ogni possibilità”.