Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Caccia, chiusura anticipata per tre specie: è polemica

Roberto Minelli
  • a
  • a
  • a

Con un provvedimento del consiglio dei Ministri il Governo ha deciso di chiudere immediatamente la caccia alla specie beccaccia, tordo bottaccio e cesena, in sei regioni italiane fra cui l'Umbria. A darne notizia è l'assessore regionale alle Politiche venatorie, Fernanda Cecchini, esprimendo “sconcerto non tanto per il merito del provvedimento, ma per il modo in cui è stato adottato, intervenendo con un atto d'imperio per modificare il calendario venatorio regionale e facendo ricadere sulle Regioni l'incongruenza fra le norme nazionali ed europee”. Il consiglio dei Ministri ha approvato infatti, su proposta del ministro dell'Ambiente Gian Luca Galletti, le delibere che assegnano al Governo il potere sostitutivo straordinario per anticipare alla mezzanotte di martedì 20 gennaio, il termine di chiusura della caccia alle specie cesena, tordo bottaccio e beccaccia nel territorio di Liguria, Toscana, Umbria, Friuli-Venezia Giulia, Veneto e Marche: un intervento che, secondo lo stesso Ministero, è stato necessario adottare per garantire che beccaccia, tordo bottaccio e cesena non vengano cacciate durante il periodo della riproduzione e il ritorno al luogo di nidificazione, tema oggetto di un'imminente apertura da parte dell'Europa di una procedura d'infrazione nei confronti dell'Italia. “Nei prossimi giorni rifletteremo con le associazioni venatorie su quanto disposto con questo provvedimento – dice l'assessore – anche in vista dell'elaborazione del nuovo calendario venatorio. Ma resto esterrefatta per come il Governo abbia inteso intervenire, scegliendo le vie più brevi ma non certo più democratiche".