Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Gilet arancioni e la protesta in Piazza Duomo a Milano, il leader Antonio Pappalardo verrà denunciato

Federico Sciurpa
  • a
  • a
  • a

Antonio Pappalardo, il leader dei gilet arancioni e il promotore del presidio che si è tenuto sabato 30 maggio 2020 in piazza Duomo a Milano, sarà denunciato, per violazione delle disposizioni che riguardano il Dpcm nelle parte relativa al divieto di assembramento e all'obbligo di indossare protezioni individuali per contenere il contagio del virus Covid 19. E' quanto apprende l'Adnkronos - che ha battuto la notizia - da fonti della questura. Il presidio era autorizzato ma essendo lui "il responsabile della manifestazione sarà denunciato perché quando uno presenta un preavviso di manifestazione si assume la responsabilità anche perché gli altri partecipanti rispettino le regole", spiegano da via Fatebenefratelli che, nelle prossime ore, trasmetterà la denuncia all'autorità giudiziaria.  I partecipanti al movimento di protesta che chiede, tra l'altro, il ritorno alla "lira italica" e un "governo votato dal popolo", sarebbero dunque chiamati a rispondere - quando verranno identificati - di non aver indossato la mascherina o di non aver mantenuto la distanza con gli altri manifestanti presenti in piazza. Il lavoro di identificazione degli altri partecipanti, piuttosto numerosi in piazza Duomo, "richiederà diversi giorni e inizierà fin dalle prossime ore", assicura il personale in divisa. Pappalardo, oltre a essere il promotore dell'iniziativa, è immortalato senza mascherina, in diverse immagini, in palese violazioni delle disposizioni che occorre rispettare per contrastare il diffondersi del coronavirus.