Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Coronavirus, donazione di 350 mila euro da Coal per l'emergenza sanitaria a favore di Marche e Abruzzo

Jacopo Barbarito
  • a
  • a
  • a

Coronavirus, donazione di 350 mila euro da parte di Coal per l'emergenza sanitaria in Abruzzo e Marche. La cooperativa marchigiana attiva in 6 regioni (Marche, Abruzzo, Umbria, Lazio, Molise e Romagna oltre che a S.Marino) in oltre 250 Comuni, con oltre 300 punti vendita e 4 marchi (Coal, Sigma, Eccomi e D'Italy) ha raccolto l'invito dei massimi rappresentati delle organizzazioni Regionali per sostenere le strutture sanitarie marchigiane e abruzzesi in questo drammatico momento nel quale Covid-19 ha messo in ginocchio l'Italia intera. Il presidente di Coal, Carlo Palmieri (nella foto), ha sottolineato "come è assolutamente naturale, per un'azienda che vive il proprio territorio come Coal, essere al fianco di chi in questi interminabili giorni combatte in prima linea nei nostri ospedali, e non solo, questa guerra: medici, infermieri e tutto il personale degli ospedali e delle associazioni ad essi collegate che a nome di tutta l'Azienda voglio ringraziare di cuore. La donazione che Coal non ha esitato a fare è volta a progetti concreti e di vitale necessità: il progetto 100 della Regione Marche, volto a creare un polo ospedaliero con 100 posti letto di terapia intensiva e per la Regione Marche con il finanziamento per l'acquisto di materiale di alta protezione per il personale sanitario. Da parte nostra - sottolinea sempre Palmieri - stiamo facendo e continueremo a fare la nostra parte, impegnandoci con tutti i nostri ammirevoli dipendenti, gli imprenditori, titolari dei punti vendita e i loro collaboratori per assicurare con continuità i prodotti alimentari a tutela di tutte le famiglie in tutti i Comuni in cui operiamo". Leggi anche: Donazione di 310 saturimetri alla protezione civile da un'azienda di Perugia