Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Guarducci: "Istituiamo un corso di laurea dedicato alle Mobile technologies"

L'incontro a Todi Appy Days

Eleonora Sarri
  • a
  • a
  • a

Un patto con gli Atenei per istituire un corso di laurea dedicato alle Mobile Technologies (Sviluppo di Applicazioni Mobili). E' l'idea lanciata da Eugenio Guarducci, presidente di Sedicieventi, a Todi Appy Days insieme a Franco Moriconi, rettore dell'Università degli studi di Perugia, e a Giovanni Paciullo, rettore dell'Università per Stranieri. VOTA il sondaggio "Quello delle App - sostiene Guarducci - è uno dei settori più strategici del momento e sarebbe importante se proprio gli Atenei perugini, fra i più prestigiosi d'Italia, istituissero un corso di laurea innovativo per proiettare gli studenti verso il futuro". Una sfida e un auspicio condivisi dagli studenti che hanno partecipato al concorso UniversiTapp, indetto dall'Università in collaborazione con Todi Appy Days, per la realizzazione della prima App ufficiale dell'Ateneo. Ad aggiudicarsi il primo premio, è stato Marco Matteocci, che ha ricevuto un innovativo pc Iaptop Asus. Secondi, a pari merito, Marco Seracini e Stefano Soro, premiati con un tablet Vodafone. Terzo premio, infine, per Laura Barbanera ed Elena Alina Baia, premiate con uno smartphone Vodafone. Todi Appy Days continua anche sabato 27 domenica 28 settembre. Il giornalista Alessio Jacona è solo uno dei protagonisti dell'ultima giornata dell'evento che si aprirà alle ore 10 con il panel Digital Healt. I lavori proseguiranno alle 11, nella stessa Sala con Case History di successo sviluppate dagli studenti dello Ied. In contemporanea, nella Sala del Consiglio di Palazzo del Popolo, Alessio Romeo parlerà de La nuova frontiera del recruting online, mentre alle 12 sarà la volta del giornalista Jaime D'Alessandro che si soffermerà su App e narrazione. Ubuntu Touch: Sviluppo App e convergenza sarà, invece, il tema affrontato da Giulio Collura alle 12 nella Sala delle Ceramiche. Nel pomeriggio, i lavori riprenderanno alle 15 con Work in progress. Alla stessa ora, nella Sala del Consiglio, Tommaso Sorchiotti cercherà di rispondere alla domanda Selfie: da forma di cazzeggio e narcisismo a nuovo linguaggio globale diffuso?