Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Nuova truffa telefonica sulla bolletta dell'energia elettrica, ecco come funziona

Mauro Barzagna
  • a
  • a
  • a

Telefonate a qualsiasi ora, anche la sera tardi, prendendo alla sprovvista soprattutto gli anziani, avviso bonario di mancati pagamenti della bolletta elettrica e possibilità di sanare subito la morosità comunicando gli estremi del proprio conto corrente. Funziona così l'ultima truffa telefonica messa in atto da organizzazioni capaci in pochissimo tempo di prosciugare depositi bancari o postali dei malcapitati. Uno degli ultimi casi segnalati fa riferimento a una telefonata - senza che appaia sul display il numero dell'interlocutore - ricevuta alle 23,20 da un ignaro cliente Enel. "Pronto? Buonasera, volevo informarla - dice la voce femminile all'altro capo del filo - che gli ultimi due pagamenti della fornitura del suo gestore di energia elettrica non sono andati a buon fine. C'è però la possibilità di sanare la situazione ed evitare che le venga interrotta la fornitura. Può dedicarmi qualche minuto di attenzione, così ci colleghiamo subito con la sua banca?". Ed è qui che scatta la truffa. A meno che non si abbia la prontezza di interrompere la telefonata e denunciare il caso alle autorità competenti. Chiedere un riferimento telefonico e rinviare la definizione della pratica al giorno successivo non serve a far desistere la truffatrice: "Forse non ha capito, resterà senza corrente nel giro di pochissimi giorni. Se invece regolarizziamo la situazione ora non avrà alcun tipo di problema".