Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Città della Pieve, il liceo Italo Calvino vola a Madrid nonostante la sospensione delle gite per Coronavirus

Sabrina Busirivici
  • a
  • a
  • a

In Umbria la campanelle delle scuole suona regolarmente. Per lunedì 24 febbraio non sono previste disposizioni contrarie secondo quanto fa sapere l'Ufficio scolastico regionale che monitora la situazione Coronavirus. Tutto regolare, dunque. Ma non è così. Nel comune di Città della Pieve scoppia il caso. La misura ministeriale che ha annullato le gite in via precauzionale non ha fermato il liceo linguistico pievese Italo Calvino. E una ventina di ragazzi è partita domenica mattina in direzione Madrid. Lamentele per la decisione presa dalla dirigente scolastica sono nel frattempo arrivate al sindaco Fausto Risini. In molti hanno fatto pervenire al primo cittadino disappunto e contrarietà per quanto accaduto. “Non ho preso provvedimenti - ha spiegato in proposito il sindaco Risini -, perché non ero in potere di farlo e sono comunque stato informato in ritardo. E' stata una decisione adottata nelle sue autonomie dalla dirigente, ed è stata lei che ha autorizzato la partenza”. A livello centrale Antonella Iunti, dirigente dell'Ufficio Scolastico Regionale, si è dichiarata per la sua parte all'oscuro dei fatti di Città della Pieve. Nessuna segnalazione in merito è arrivata a lei direttamente e complessivamente ha tenuto a ribadire la corretta comunicazione e conseguente adozione dei provvedimenti da parte del suo Ufficio tanto che, ad esempio, il liceo perugino Pieralli ha annullato all'ultimo momento la partenza per Salamanca.