Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Violenze a scuola, apre lo sportello anti bulli

Roberto Minelli
  • a
  • a
  • a

Uno sportello anti-bullismo. Un ufficio pubblico dove raccogliere testimonianze e denunce. Aprirà entro l'estate in via Mazzini, a Perugia. E' il primo atto concreto della Regione dell'Umbria dopo l'istituzione del garante per l'infanzia e l'adolescenza. Il garante stesso, Maria Pia Serlupini, produrrà un rapporto e raccoglierà i dati in vista della relazione al Parlamento: ma nei suoi compiti c'è anche quello di segnalare alle autorità competenti casi di violazione dei diritti dei minorenni. Il bullismo è un fenomeno che incide non poco. E che cresce in Italia e nel cuore verde. Il 76,8% dei ragazzi delle scuole medie superiori ha assistito direttamente, sono stati coinvolti o hanno saputo di risse e violenze avvenute a scuola. Il 78% ha visto o saputo di furti avvenuti dentro l'istituto. Il 23,2% ha visto o sentito di molestie sessuali sempre a scuola. Il dato emerge da dossier dell'Agenzia Umbria ricerche dedicato agli adolescenti del cuore verde. Per l'Eurispes il 50 per cento degli studenti delle scuole ha ammesso di essere stato succube almeno una volta di qualche bullo. L'1,7 per cento ha detto di essere una vittima quotidiana.  Servizio completo nel Corriere dell'Umbria del 28 giugno a cura di Alessandro Antonini