Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Celiachia, in Italia 600mila casi. Un celiaco su 5 assume glutine e non lo sa. Interrotta ricerca del vaccino

Esplora:

Giuseppe Silvestri
  • a
  • a
  • a

Drastico aumento dei casi di celiachia. In trent'anni i numeri sono cambiati in modo vertiginoso. Si è passati da un caso ogni 2mila persone a uno su 150. Cifre che sono figlie di due ragioni: maggiore facilità nella diagnosi della malattia e cambiamento dello stile di vita. Nel frattempo però è mutata anche la malattia. Trent'anni fa era soprattutto pediatrica e riguardava tra i 3 e i 5mila italiani, tanto da essere considerata rara. Oggi è il contrario. L'incidenza si aggira tra lo 0,5 e l'1,5% per cento, quindi un individuo ogni 150. I più colpiti sono i bambini tra i 4 e gli 8 anni e gli adulti tra i 25 e i 35 anni. In età pediatrica si manifesta il 30% dei casi, il restante 70% si palesa in età adulta. La malattia colpisce prevalentemente il sesso femminile, con un rapporto 3/1. Oltre 550 specialisti, tra gastroenterologi, internisti, biologi, nutrizionisti, dietisti, psicologi e infermieri e operatori sanitari hanno partecipato all'Università degli Studi di Milano al convegno "Celiachia e altri disordini Glutine Correlati: Update 2020". Convegno sotto la direzione del professor Maurizio Vecchi docente di gastroenterologia all'Università di Milano e del Luca Elli, resposabile Centro Celiachia, Fondazione Irccs Cà-Granda di Milano. "Le ragioni per cui, negli ultimi trent'anni, è avvenuto tale cambiamento sono principalmente due - spiega Luca Elli - In primis oggi è molto più semplice diagnosticare la celiachia, facendo facilmente emergere il sommerso. Inoltre, secondo punto, esiste una tendenza reale all'aumento di questa patologia autoimmune, dovuto a molteplici cause, molte ancora teoriche. Ad esempio il cambiamento nella coltivazione degli alimenti, molto più intensiva e fertilizzata, lo stile di vita, l'uso di antibiotici anche nell'età pediatrica, il controllo su alcune malattie infettive". "I numeri dei celiaci parlano da soli: 600mila i casi evidenziati dagli screening, pazienti in cospicuo aumento e sommerso in costante impennata - sottolinea Maurizio Vecchi, direttore del convegno e direttore dell'Unità operativa di Gastroenterologia del Policlinico di Milano - Sono infatti oltre 400mila i pazienti che oggi rappresentano la porzione nascosta di questa malattia autoimmune “accesa” dal glutine e segnata da difficoltà diagnostiche. Un quadro che la scienza sta modificando: sia per la definizione precoce della patologia, sia per il controllo della stessa". Durante l'ultimo congresso internazionale della Celiachia a Parigi dello scorso settembre 2019, è stato annunciato l'interruzione della ricerca sul vaccino: l'idea di sconfiggere e eradicare definitivamente la malattia, è quindi tramontata. "La tendenza che probabilmente potrà verificarsi, invece, si riferisce ad una terapia sempre più personalizzata in favore dei pazienti - prosegue Luca Elli - Questi potranno reintegrare nella loro dieta alcuni alimenti con glutine. Nei prossimi anni, infine, arriveranno anche delle molecole che aiuteranno il paziente a convivere con la malattia". Che l'aderenza alla dieta priva di glutine rappresenti un ostacolo nella gestione della malattia da parte del paziente è ben concepibile. Tant'è che, fino ad oggi, ha rappresentato uno scoglio anche per i clinici. Ora però gli specialisti hanno a disposizione un nuovo strumento: un test che è in grado di indicare il livello di detezione del peptide del glutine nelle urine e nelle feci dei pazienti. Uno strumento che permette il monitoraggio reale e costante della malattia, apportando laddove necessario le giuste correzioni. "Grazie a questi test - conclude Luca Elli - è possibile capire se si stia mangiando in maniera occulta qualunque alimento con glutine e se questi possono essere eventuali cause dei sintomi che potrebbe provocare. Allo stato attuale non abbiamo dati riguardanti la situazione italiana, il primo trial è attualmente in corso. Eppure, secondo studi internazionali, circa il 20% del campione mangia occultamente qualche alimento con il glutine senza saperlo".