Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Brexit, in Gran Bretagna si fanno scorte di Prosecco: l'export del vino vola

default_image

Federico Sciurpa
  • a
  • a
  • a

Gran Bretagna alle prese con la Brexit, ne ha parlato proprio oggi, giovedì 19 dicembre, la Regina Elisabetta. Sua Maestà Britannica ne ha indicato la priorità per il governo. E l'avvicinarsi dell'uscita del Regno Unito dall'Ue, ha provocato la reazione dei sudditi in campo di acquisti. Grandi bevitori di birra, i britannici corrono in questo caso ad accaparrarsi bottiglie di vino. Italiano. Parliamo di Prosecco. La Brexit ad un passo, ha fatto impennare del 13% le esportazioni di Prosecco in Gran Bretagna. Una autentica corsa agli acquisti per fare scorte del prodotto made in Italy. Il dato emerge da una analisi della Coldiretti presentata in occasione dell'Assemblea nazionale, sulla base dei dati Istat relativi ai primi nove mesi dell'anno. Un record storico per il Prosecco con quasi una bottiglia esportata nel mondo su tre che è stata spedita nel Paese della regina Elisabetta. A spaventare è il rischio che il prodotto simbolo del Made in Italy in Gran Bretagna possa essere colpito dalle barriere tariffare e dalle difficoltà di sdoganamento che potrebbero nascere da una Brexit con una maggiore difficoltà per le consegne. Il vino italiano complessivamente ha fatturato sul mercato inglese quasi 827 milioni di euro nel 2018, spinto proprio dal boom del Prosecco Dop con 348 milioni di euro.