Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Introdotto il parametro Iseeper valutare l'assegnazionedi alloggi di edilizia pubblica

Approvato il regolamento che disciplina le norme di riordino in materia di edilizia residenziale sociale

Claudio Bianconi
  • a
  • a
  • a

"Snellire le procedure e nello stesso tempo garantire al massimo diritti e doveri di coloro che aspirano all'assegnazione degli alloggi di edilizia residenziale pubblica, sono elementi che caratterizzano fortemente questo nuovo regolamento, che, tra l'altro introduce alcune importanti innovazioni come l'Isee quale modalita' di valutazione della capacita' economica del nucleo familiare". Stefano Vinti, assessore alle politiche abitative della Regione Umbria, commenta cosi' l'approvazione definitiva da parte della Giunta regionale del regolamento che disciplina le norme di riordino in materia di edilizia residenziale sociale. "La collaborazione instaurata con i Comuni - ha affermato l'assessore - ha consentito di pervenire ad un testo condiviso e di evitare, cosi', eventuali incongruenze ed incompatibilita' con i regolamenti che i Comuni stessi dovranno a loro volta approvare. Il nuovo regolamento, atteso ormai da anni da circa 10.000 famiglie umbre, e' un ulteriore segno dell'impegno costante della Regione Umbria per le politiche della casa e dell'abitare. Resta il problema dei finanziamenti necessari per la realizzazione di nuovi alloggi e l'Umbria e' capofila nella richiesta di un nuovo Piano nazionale per la casa che consenta, attraverso il recupero del patrimonio immobiliare gia' esistente, di soddisfare le esigenze di un numero ormai impressionante di famiglie che, stante la crisi economica, non riescono a trovare una soluzione abitativa". Stabilito in 12.000 euro il limite massimo di Isee per concorrere ai bandi e i nuclei familiari richiedenti, per poter concorrere ai bandi per l'assegnazione, non devono essere proprietari di alloggi idonei.