Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

A Natale aumentano i tradimenti: colpa delle cene aziendali

Alfredo Doni
  • a
  • a
  • a

Galeotta fu la cena aziendale e non il libro. Si potrebbe citare il Sommo poeta Dante Alighieri per arrivare a spiegare che nel periodo delle feste di Natale, aumenta la propensione al tradimento. Una tendenza che, secondo alcuni studi effettuati da società e siti che si occupano di questo fenomeno, è a carattere internazionale. «Un fenomeno che, indipendentemente dall'emisfero e dal clima, vale a livello globale perché il Natale è un momento di svago che molti sfruttano per liberare lo stress dell'intero anno», spiega Alex Fantini, fondatore di Incontri-ExtraConiugali.com. Il fenomeno è diffuso a livello globale un po' ovunque, tanto che nel mondo anglosassone molte società di servizi si propongono di assistere in questo speciale periodo tutti coloro che hanno un dubbio sulla fedeltà del proprio partner, fornendo "esche" professioniste di entrambi i sessi, che chiamano "honey trapper", per consentire al "committente" di verificare appunto se il partner cede alla tentazione di una scappatella oppure no. È così che portali specializzati in altre tipologie di servizi, che di solito forniscono segretarie, badanti, personale domestico, autisti, imbianchini e quant'altro, in questo periodo si ritrovano sobissati di richieste: oltre 300 ogni ora -ad esempio- su Bark.com, il famoso sito web di servizi con sede a Londra che conta 20 milioni di utenti in tutto il mondo. E in Italia? «A proporre il servizio "prova di fedeltà" e a fare da esche sono spesso escort e gigolò indipendenti. Ma a dire il vero non c'è molta richiesta nel nostro Paese perché gli italiani sono più "furbi". La maggior parte dei nostri connazionali si organizza online e difficilmente cadrebbe in una trappola con una persona sconosciuta», spiega Fantini.  Ma quanti sono in Italia i traditori di Natale? Secondo un sondaggio condotto in questi primi giorni del mese da Incontri-ExtraConiugali.com su un campione di mille uomini e mille donne di età compresa tra i 24 ed i 65 anni, è risultato che 7 italiani su 10 aspettano proprio la cena aziendale di Natale per concretizzare un tradimento. E, sebbene il luogo di lavoro non sia il preferito da chi è in cerca di un'avventura, il momento delle feste natalizie rappresenta un'eccezione: il 65% del campione ha ammesso di aver avuto un qualche tipo di approccio con un collega, seppure poi non consumato del tutto, durante la cena aziendale dell'anno precedente. «Le feste organizzate dall'azienda sono la scusa perfetta per divertirsi senza il proprio partner e per interagire in maniera rilassata con i colleghi in un contesto meno formale rispetto a quello di lavoro» puntualizza Alex Fantini. Ma solo 3 italiani su 10 concretizzano poi la scappatella con un collega. Quattro su 10 preferiscono trovare l'amante online ed usare la scusa della cena aziendale solo come escamotage. Per quanto riguarda le festività natalizie, il 70% degli intervistati ha confermato che ha organizzato od organizzerà un incontro speciale di Natale con l'amante: la metà di loro organizzando una cena natalizia ad hoc o un'uscita insieme e l'altra metà organizzando un incontro direttamente in un hotel per passare al sodo ed avere più privacy. Il sondaggio di Incontri-ExtraConiugali.com ha infine rivelato che 4 italiani su 10 acquistano un regalo di Natale anche per l'amante e che sono le donne a spendere di più rispetto agli uomini. Chi l'avrebbe mai detto?