Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Inaugurata in Provinciala seconda edizionedi Perugia Social Photo Fest

Fotografia sociale di denuncia e riflessione e fotografia terapeutica per attivare un processo di autocoscienza e esplorazione di sé

Claudio Bianconi
  • a
  • a
  • a

Alla presenza dell'assessore alle attività Culturali della Provincia, Donatella Porzi, e del presidente dell'associazione organizzatrice del festival, LuceGrigia, e direttore artistico della manifestazione, Antonello Turchetti è stata inaugurata la seconda edizione del Perugia Social Photo Fest, che si caratterizza come l'unico evento di fotografia sociale e terapeutica in Europa. Fotografia sociale di denuncia e riflessione e fotografia terapeutica per attivare un processo di autocoscienza e esplorazione di sé. “Una manifestazione - ha detto Porz i- che non è solo punto di arrivo, ma di partenza, per un percorso fondato sulla importanza della fotografia, intesa anche come strumento di denuncia e di riappropriazione della propria dimensione più intima”. “Un evento - ha concluso l'assessore - che, grazie agli organizzatori della Associazione LuceGrigia, ha anche il grande merito di vivere attraverso i fondi raccolti direttamente,senza il contributo del denaro pubblico”. Turchetti ha ribadito che, vivendo di donazioni, il festival assume inevitabilmente un connotato popolare e sociale. Un festival che vuole essere terreno di nuove scoperte tra i fotografi e che, come sperato, sta diventando punto di riferimento europeo per la fotografia sociale e terapeutica. Infine, dopo avere illustrato il nuovo progetto “Cosmorama - paesaggi di un mondo plurale” che ha coinvolto le città di Perugia, Modena, Catania e Pesaro ed avere annunciato la mostra che si inaugurerà il 21 novembre con protagonista la vincitrice della mostra etica di Lodi, il direttore artistico ha dato la parola ad alcuni fotografi presenti in sala, i quali hanno parlato del tema della propria ispirazione che, in Anna Esteban, è addirittura nata dalla osservazione continua dell'evolvere della propria malattia, come ha narrato in un intervento bellissimo e molto applaudito.